Glossario



Divertimento per orchestra ridotta e pianoforte obbligato

Musica: Franco Alfano
  1. Introduzione e aria
  2. Recitativo e rondò
Organico: ottavino, flauto, oboe, 2 clarinetti, fagotto, 2 corni, 2 trombe, timpani, xilofono, percussioni, pianoforte, archi
Composizione: 1935
Edizione: Ricordi, Milano, 1935

Guida all'ascolto (nota 1)

Sarebbe quasi inutile ricordare qui - tanto essa è nota - l'opera varia e complessa di Franco Alfano; la riassumiamo tuttavia per sommi capi: numerose Liriche per canto i e pianoforte e per canto e orchestra, fra cui quelle ispirate a testi poetici di Rabindranath Tagore occupano un posto importante; pezzi vari per pianoforte e per violoncello e pianoforte; Quartetti per archi; Suite romantica, due Sinfonie, Due intermezzi, Divertimento per orchestra; le opere teatrali Miranda, La Fonte di Enschir, Risurrezione, Il Principe Zilah, L'ombra di Don Giovanni, La Leggenda di Sakuntala, Eliana, Madonna Imperia, L'ultimo Lord, Girano di Bergerac, alcuni balletti.

Il Divertimento per orchestra da camera, è stato composto nel 1935, come una breve parentesi fra lavori di maggior mole quali la Seconda sinfonia e il Cirano; consta di due movimenti e comprende in partitura, oltre gli archi, flauto e ottavino, oboe, due clarinetti, fagotto, due corni, due trombe, xilofono, timpani, pianoforte e percussione.


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Teatro Argentina, 21 novembre 1948

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 15 febbraio 2017
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.