Glossario



Danza e finale da Sakuntala

Musica: Franco Alfano
Organico: 3 flauti (3 anche ottavino), 2 oboi,k corno inglese, clarinetto piccolo, 2 clarinetti, clarinetto basso, 3 fagotti, controfagotto, 4 corni, 3 trombe, 9 trombe supplementari (interne), 3 tromboni, basso tuba, timpani, triangolo, piatti, tam-tam, castagnette, tamburo basco, tamburo militare, grancassa, xilofono, 2 arpe, pianoforte, celesta, crotali, campanelli, 3 campane, archi
Composizione: 1923
Edizione: Ricordi, Milano, 1927

Guida all'ascolto (nota 1)

Dal fantastico poema drammatico Il riconoscimento di Sakłntala di Kalidasa, grande poeta indiano del VI secolo, Franco Alafano ha tratto la materia per l'opera: La leggenda di Sakłntala. Essa venne rappresentata per la prima volta, con vivo successo, al Comunale di Bologna il 10 dicembre 1921.

I brani che oggi vengono eseguiti sono quelli che aprpno e chiudono il III atto. All'inizio di questo, il re - il quale, per effetto della maledizione che l'irato asceta Durvass ha scagliato a Sakłntala, ha dimenticato il suo amore per la bellissima sposa - trovasi nel suo fastoso palazzo, immerso in solitudine amara e senza conforto. Invano delle fanciulle intrecciano danze (la Danza dell'ape: un'ape che aveva insidiato Sakłntala). Egli le fa smettere bruscamente per restar di nuovo triste e solo.

Nel finale dell'opera «due guardie conducono un pescatore, trovato in possesso di un anello,.. Lo scudiero, riconosciuto l'anello del re, porta il gioiello al suo Sovrano, di cui, poco dopo, s'ode la voce invocante: Sakłntala! Il Re ha riacquistato la memoria; ripreso dalla febbre d'amore chiama disperatamente la sposa ripudiata e ordina che sia cercata ovunque. Un rombo lontano interrompe l'estasi del Re. Lo scudiero reca la notizia che la fanciulla fu vista lanciarsi nello stagno delle ninfe; ad un tratto, una nube di fiamma la ghermģ; gli eremiti si chinarono sul velo di lei, adorandolo come cosa sacra. Il Re cade tramortito. La scena s'oscura profondamente. E la lontana voce di Sakłntala, da prima sola, poi dominante un mormorio di voci minori, dice il perdono al Re, ed annuncia la venuta del figliuolo, giovine eroe del mondo. Un chiarore invade lentamente la scena. Dalle porte, dai giardini, la folla appare stupita, come in attesa di una rivelazione. Fra voci osannanti e squilli sempre pił vibranti, ecco apparire ģ due eremiti. Uno di essi porla sulle braccia il fanciullo, coperto di veli. Il Re, destatosi dallo stupore, si genuflette, insieme col popolo, davanti all'erede atteso».

A. Della Corte


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Teatro Argentina, 14 ottobre 1953

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietą delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione puņ essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2017
html validator  css validator


Questo testo č stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed č utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietą delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione puņ essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.