Glossario
Testo della Cantata



Jauchzet Gott in allen Landen (Gridate di gioia a Dio in ogni terra), BWV 51

Cantata in do maggiore per soprano, coro e orchestra

Musica:
Johann Sebastian Bach
Testo: autore ignoto
Occasione: 15a domenica dopo la festa della Trinità e in ogni tempo
  1. Jauchzet Gott in allen Landen
    Aria in do maggiore per sopranoo e tutti gli strumenti
  2. Wir beten zu dem Tempel an
    Recitativo in la minore per soprano, archi e continuo
  3. Höchster, mache deine Güte fermer alle Morgen neu
    Aria in la minore per soprano e continuo
  4. Sei Lob und Preis mit Ehren
    Corale in do maggiore per soprano, 2 violini e continuo
  5. Alleluja, Alleluja
    Aria in do maggiore per soprano e tutti gli strumenti
Organico: soprano, tromba, 2 violini, viola, continuo
Composizione: Lipsia, 1730
Prima esecuzione: Lipsia, Thomaskirche, 17 settembre 1730
Edizione: Breitkopf & Härtel, Lipsia, 1863

Guida all'ascolto 1 (nota 1)

Il più importante tra i compiti musicali a cui doveva adempiere il Kantor della Thomasschule di Lipsia, incarico che Bach ricoprì dal maggio del 1723 fino alla morte, era quello di fornire musica sacra per tutte le domeniche e le più importanti festività previste dagli ordinamenti liturgici luterani, che nella severa ed ortodossa Lipsia erano osservati più rigorosamente che altrove. Bach, benché gravato da altre numerose incombenze, nei primi anni lipsiensi s'impegnò scrupolosamente a produrre, settimana dopo settimana, eccezion fatta per i periodi dell'Avvento e della Quaresima, Cantate di sua composizione (per un totale di circa sessanta lavori l'anno, raggruppati poi in cinque cicli di "annate" complete) da eseguirsi durante i riti religiosi che si celebravano nelle due chiese più importanti della città: la Thomaskirche e la Nikolaikirche.

Successivamente la sua produzione di Cantate sacre diminuì gradualmente, per interrompersi del tutto dopo il 1735 (tra il 1729 e il 1735 ne scrisse appena una dozzina), soprattutto quando, assunta la guida del locale Collegium Musicum nel 1729, Bach si volse alla composizione di Cantate profane o di opere di tipo speculativo, sfruttando per le esigenze del culto lavori precedentemente composti - a volte ricorrendo alla tecnica della parodia - oppure proponendo opere di altri musicisti contemporanei.

La Cantata Jauchzet Gott in allen Landen BWV 51 per soprano, tromba, archi e continuo, è una delle ultime scritte da Bach a Lipsia. L'intestazione dell'autografo assegnerebbe l'opera alla quindicesima domenica dopo la Trinità; tuttavia l'ulteriore precisazione apposta "et in Ogni Tempo" indica, che la Cantata, eseguita forse per la prima volta il 17 settembre 1730, poteva essere riproposta anche in altre occasioni liturgiche, tanto più che nel testo - di autore anonimo -.mancano riferimenti precisi alla severa lettura evangelica del giorno, tratta dal "Discorso della Montagna" (Matteo 6, 24-34).

L'impegno virtuosistico richiesto ai due solisti, specie nei due movimenti esterni, è tale da far pensare che Bach scrisse questa cantata avendo in mente degli esecutori ben precisi. Mentre per la parte della tromba è facile pensare a Gottfried Reiche, uno dei più noti strumentisti allora attivi a Lipsia, per quella del soprano, che nei brani di apertura e di chiusura si spinge fino al do sopra il rigo non è possibile fornire indicazioni sufficientemente precise: recentemente è stato proposto, tra gli altri, il nome del castrato Giovanni Bindi, affermatosi da poco tempo a Dresda, dando corpo all'ipotesi che questa Cantata sia stata originariamente destinata alla corte sassone più che al regolare servizio liturgico in una delle due chiese di Lipsia.

La Cantata, l'unica scritta da Bach per una tale combinazione vocale-strumentale, si compone di tre arie separate da un recitativo e da un corale. Nell'aria di apertura (Jauchzet Gott in allen Landen), la struttura con il "da capo", con modulazione al tono relativo di la minore, si fonde con quella di un allegro da concerto. L'esortazione a lodare Dio per la sua eterna bontà e misericordia si traduce nella gioiosa contrapposizione del motivo "a fanfara" dell'orchestra con le agili colorature del soprano, riprese per terze o con brevi imitazioni dalla tromba (e nella parte centrale dell'aria dai violini primi). Nel recitativo successivo (Wir beten zu dem Tempel an), che può essere meglio definito come un arioso accompagnato, l'intenso canto del solista, sostenuto prima dalle semplici ma espressive crome ribattute degli archi e poi dal solo basso continuo, si scioglie nella seconda parte del brano in capricciosi melismi posti sulla parola "lallen" (ossia balbettare), ad esprimere l'incapacità umana a descrivere i miracoli divini. Nella seconda aria (Höchster, mache deine Gute), anch'essa con il "da capo", l'invito rivolto al Signore a rinnovare perennemente la sua bontà, si esprime musicalmente in un brano costruito su un basso ostinato variato e su un morbido ritmo di siciliana. Dopo l'intonazione della strofa supplementare del corale Nun lob, mein Seel, den Herren (Sei Lob und Preis mit Ehren), affidata non al coro ma al soprano sostenuto dall'intensa elaborazione contrappuntistico-imitativa dei primi e secondi violini, si passa senza interruzione alcuna al virtuosistico Alleluja, finale, proposto in un fugato estremamente libero: le ampie colorature e i brillanti interventi della tromba restituiscono a questo inno di ringraziamento e di lode lo stesso tono di chiara luminosità ed esuberanza con il quale era iniziato, chiudendo l'intera Cantata in una cornice di mirabile unitarietà espressiva.

Marco Carnevali

Guida all'ascolto 2 (nota 2)

Gli anni di Lipsia (1723-1750) costituiscono il culmine dell'attività professionale ed artistica di J.S. Bach. Anni difficili, caratterizzati da un'intensa produzione, soprattutto sul versante della musica sacra, dai frequenti contrasti con i rettori della Thomasschule presso la quale Bach effettuava l'ufficio di Cantor (compositore, didatta e direttore musicale), dal progressivo accrescersi della famiglia e dal mai sopito desiderio di trovare impieghi di maggiore soddisfazione in città musicalmente più vive ed aggiornate della piccola, isolata, provinciale Lipsia (a Dresda, ad Amburgo ecc.). Gli impegni presso la Thomasschule ed il ruolo di personalità fra le più autorevoli della vita musicale lipsiense favorirono l'incremento della produzione bachiana di musiche ufficiali sacre (le oltre 200 cantate per la liturgia domenicale protestante) e profane (cantate cerimoniali e celebrative). La Cantata BWV 51, "Jauchzet Gott in alien Landen", appartiene al primo gruppo. E' una cantata composta per la quindicesima domenica dopo la Trinità ed ebbe la sua prima esecuzione il 17 settembre del 1730; il suo testo poetico parafrasa ed in parte cita le letture evangeliche previste per la detta festività ma la moderazione con cui ciò vien fatto rende la cantata, per esplicita indicazione dell'autore, eseguibile in qualsiasi momento dell'anno liturgico. La cantata è scritta per soprano, tromba, archi e continuo; cosa poco men che rara in Bach, è priva del coro. Sua caratteristica principale è l'antagonismo fra la voce e la tromba che si sfidano con le rispettive peculiarità virtuosistiche nel primo e nell'ultimo brano della composizione, secondo una cifra stilistica di matrice più profana che sacra ed assai frequentata dai musicisti italiani (basti qui rammentare la celebre "Su le sponde del Tebro" di Alessandro Scarlatti) che privilegia le seduzioni di funambolici atletismi esecutivi vocali e strumentali in competizione. La parte per tromba di questa cantata potrebbe essere stata pensata per Johann Gottfried Reiche, capo degli Stadtpfeifern di Lipsia ed uno fra i più noti strumentisti della città. I brani che costituiscono la cantata sono l'aria d'apertura, un recitativo accompagnato per soprano ed archi, un'aria in 12/8 in stile di siciliana per soprano e continuo ed un corale per soprano due violini e continuo concluso da un vibrante "Allelujah" fugato in cui la tromba torna a competere con la voce.

Franco Piperno


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di via della Conciliazione, 17 aprile 1998
(2) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Teatro Olimpico, 4 febbraio 1987

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 6 gennaio 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.