Glossario



Preludio (Fantasia) in do minore, BWV 921

Musica: Johann Sebastian Bach
Organico: clavicembalo
Composizione: 1713
Edizione: Breitkopf & Härtel, Lipsia, 1890

Attribuzione incerta

Guida all'ascolto (nota 1)

Il Preludio (Fantasia) in do minore BWV 921 ci è stato tramandato in un quaderno (detto «Andreas-Bach-Buch» dal nome del suo proprietario) contenente composizioni per cembalo e organo copiate da Johann Bernhard, nipote e allievo di Bach negli anni trascorsi dal compositore a Weimar (1708-1717). Si tratta di una antologia di 56 pezzi di vari autori che include anche 15 composizioni di Bach o a lui attribuite nello storico catalogo di Wolfgang Schmieder (1950). In seguito la ricerca musicologica ha corretto in parte queste attribuzioni, identificando precisi autori per alcuni brani, limitandosi a porre in dubbio l'autenticità bachiana per altri; ed è appunto quest'ultimo il caso del Preludio BWV 921.

La pagina non mostra infatti una impronta personale ben definita, anche se segue la tendenza - propria della produzione cembalistica di Bach a Weimar, condizionata dallo stile organistico - di una molteplice varietà di soluzioni di scrittura, secondo un taglio improvvisatorio, libero, fantasioso. Il Preludio si articola in tre parti, una breve sezione introduttiva arpeggiata, una seconda sezione in ritmo di 6/8 e una più vasta sezione conclusiva in 4/8.

Arrigo Quattrocchi


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Teatro Olimpico, 11 ottobre 1993

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 12 giugno 2013
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.