Sonata in mi minore per flauto traverso e continuo, BWV 1034


Musica: Johann Sebastian Bach
  1. Adagio ma non tanto
  2. Allegro
  3. Andante (sol maggiore)
  4. Allegro
Organico: flauto traverso, continuo
Composizione: 1724
Edizione: Peters, Lipsia, 1865
Guida all'ascolto (nota 1)

Le tre sonate per flauto e continuo attribuite a J. S. Bach si ritiene risalgano al periodo di Cöthen (1717-1723). La confessione riformata di Cöthen era di stretta osservanza, e la musica faceva parte della liturgia soltanto nella forma assembleare della intonazione dei corali. Respinta dalla pratica liturgica, la vita musicale ruotava attorno alla corte, il cui principe fu ricordato da Bach come amico e giudice competentissimo della sua arte. La Sonata in mi minore è un'opera nello stile italiano del tempo. Con ciò si vuole sottolineare il suo carattere di monodia accompagnata, tanto distante dalla concezione polifonica di J.S. Bach. Proprio questa preminenza della voce cantabile ha indotto alcuni studiosi a considerarla un'opera giovanile del figlio maggiore di J. S. Bach, Wilhelm Friedmann.

Gioacchino Lanza Tornasi


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Teatro Olimpico, 12 novembre 1975


I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.


Ultimo aggiornamento 17 ottobre 2015