Glossario



Toccata in do minore, BWV 911

Musica: Johann Sebastian Bach
Organico: clavicembalo
Composizione: 1714 circa
Edizione: Peters, Lipsia, 1839

Guida all'ascolto (nota 1)

Le sette Toccate BWV 910-916 appartengono al periodo precedente Lipsia e forse agli anni di Weimar. Restano tuttavia, tra le opere della prima fase, tra le più ricche ed articolate. Il modello ideale sembra essere il concerto, con la sua contrapposizione tra soli e tutti, e in effetti le toccate alternano passi solistici con altri più complessi, episodi di libera invenzione a passaggi di rigoroso contrappunto. La Toccata in do minore è tripartita. Dopo un fantasioso preludio e un adagio è tuttavia occupata in gran parte da un fuga a tre voci con una doppia esposizione, ognuna delle quali si conclude con una improvvisazione in omaggio a quello che era allora considerato il meno asservito tra i generi musicali e il più aperto al puro gioco virtuosistico.

Bruno Cagli


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Teatro Olimpico, 20 ottobre 1982

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 15 novembre 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.