Glossario



Négy szlovak nčpalok (4 Canti popolari slovacchi), BB 78, SZ 70

per coro a 4 voci e pianoforte

Musica:
Béla Bartók
  1. Zadala mamka (Cosě mandň a dire la madre)
  2. Naholi, naholi (Sulle montagne)
  3. Rada pila, rada jedla (Mangiare e bere che piacere)
  4. Gajdujte, gajdence (Suonino le cornamuse)
Organico: coro misto, pianoforte
Prima esecuzione: Budapest, Accademia di Musica, 5 gennaio 1917
Edizione: Universal Edition, Vienna, 1924

Guida all'ascolto (nota 1)

L'interesse di Bela Bartňk per la musica popolare - e non soltanto di quella ungherese - č piů che noto. Le ricerche etnomusicologiche del musicista sono documentate da numerosi sŕggi e raccolte di canti popolari originali: i «20 canti popolari ungheresi» trascritti per violino e pianoforte in collaborazione con, Kodŕly; le 371 melodie romene del dipartimento Bihor; le 150 melodie transilvane (in collaborazione con Kodŕly); le 320 melodie ungheresi pubblicate a Budapest nel 1924; una raccolta di Scritti sulla musica popolare pubblicata a Budapest nel 1948 e tradotta in italiano, a cura di Diego Carpitella, nel 1955, e via dicendo.

Ma anche la produzione musicale autonoma del compositore fu spesso direttamente ispirata alla musica popolare. Ne danno testimonianza, anche limitandosi al solo genere vocale, i 4 Vecchi canti popolari ungheresi del 1912; i 4 Canti popolari slovacchi del 1917; i 5 Canti popolari slovacchi sempre del 1917; i 4 Canti popolari ungheresi del 1930; i Canti popolari ungheresi del 1935.

Testo

I. Canto nuziale (da Poniky)
Zadala mamka, zadala dcéru Daleko od sebe,
Zakŕzala jej, prikazala jej: Nechod' dcero kumne!
Ja sa udelŕm ptŕckom jarabym, Poletěm kmamicke,
A sadnem si tam na zahradecku, Na bielu laliju.
Vjide mamcka: - Co to za ptŕcka, co tak smutne spieva?
Ej, hesu, ptacku jaraby, Nelamaj laliju
Ta daly stemna za chiapa zlého Do kraja cudzieho;
Veru mne je zie, mamicka mila, so zlym muzom byti.
Una sposa infelice torna da sua madre sotto forma di un merlo, ma la madre non la riconosce e la caccia via. L'infelice lamenta la sua sorte.

II. Canto dei mietitori di fieno (da Hiadel)
Na holi, na tej sirocine Ved'som sa vyspala,
Ako na perine. Uz sme pohrabaly, Co budeme robit'?
Svrsku do doliny Budeme sa vodit'.
I mietitori, stanchi dopo la giornata di lavoro, sognano
le semplici gioie e il riposo delle loro case.

III. Ballo (da Medzibrod)
Rada pila rada jedla Rada tancovala,
Ani si len tů kytlicku Neobrancovala.
Nedala si styri grose Ako som ja dala,
Zeby si ty tancovala, A ja zebystŕla.
Tu non ami che ballare, non pensi mai al lavoro, al cucito! Io ho pagato i suonatori, ma tu balli con gli altri e mi lasci solo.

IV. Ballo (da  Poniky)
Gajdujte, gajdence Poideme kfrajerce!
Ei, gajdujte vesele, Ej, ze pojdeme smele!
Zagajduj gajdose! Este Mŕm dva grose:
Ej, jedon gajdosovi, A druhy krcmarovi.
To boia kozicka, Co predok vodila,
Ej, ale uz nebude, Ej, nozky si zlomila.
Suonate pifferai, venite a ballare, giovani! Spenderemo il nostro ultimo soldo per pagare i suonatori, e balleremo al suono della cornamusa.


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Sala Accademica di via dei Greci, 17 novembre 1967

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietŕ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione puň essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 18 agosto 2013
html validator  css validator


Questo testo č stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed č utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietŕ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione puň essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.