Glossario



Quattro Lieder, op. 2

per voce e pianoforte

Musica:
Alban Berg
  1. Schlafen, schlafen - Sehr langsam
    Testo: Friedrich Hebbel
  2. Schlafend trägt man mich - Langsam
    Testo: Alfred Mombert
  3. Nun ich der Riesen Stärksten - Erst ziemlich bewegt, dann langsam
    Testo: Alfred Mombert
  4. Warm die Lüfte - Langsam
    Testo: Alfred Mombert
Organico: voce, pianoforte
Composizione: 1809 - 1810
Edizione: R. Lienau, Berlino, 1910

Testo (nota 1)

Schlafen, Schlafen

Schlafen; Schlafen, nichts als Schlafen!
Kein Erwachen, keinen Traum!
Jener Wehen, die mich trafen,
Leisestes Erinnern kaum,
dass ich, wenn des Lebens Fülle
nieder klingt in meine Ruh'
nur noch tiefer mich verhülle,
fester zu die Augen tu!
Dormire, dormire

Dormire, dormire, null'altro che dormire!
Nessun risveglio, nessun sogno!
Di quei sospiri che mi toccarono
il più lieve appena ricordare
che, quando la pienezza della vita
risuonerà nella mia pace,
io ancora più profondamente mi nasconda,
e più fermamente chiùda gli occhi.
Schlafend trägt man mich

Schlafend trägt man mich
in mein Heimatland.
Ferne komm' ich her,
über Gipfel, über Schlünde,
über ein dunkles Meer
in mein Heimatland.
Addormentato mi si porta

Addormentato mi si porta
nella mia patria.
Vengo di lontano,
oltre le cime, sopra gli abissi,
sopra uno scuro mare
nel mio paese natio.
Nun ich der Riesen

Nun ich der Riesen Stärksten überwand,
mich aus dem dunkelsten Land heimfand
an einer weissen Märchenhand,
Hallen schwer die Glocken;
und ich wanke durch die Gassen
schlafbefangen.
Ora io mi volsi

Ora io mi volsi ai più forti dei giganti,
mi trovai la patria nella più scura terra
su di una bianca mano di fata,
risuonano pesanti le campane,
ed io vacillo nelle viuzze,
preso dal sonno.
Warm die Lüfte

Warm die Lüfte, es spriesst Gras
auf sonnigen Wiesen,
Horch! Horch: es flötet die Nachtigall.
Ich will singen:
Droben hoch im düstern Bergforst,
es schmilzt und glitzert kalter Schnee, 
ein Mädchen in grauem Kleide
lehnt an feuchtem Eichstamm,
krank sind ihre zarten Wangen,
die grauen Augen fiebern
durch Düsterriesenstämme.
« Er kommt noch nicht.
Er lässt mich warten... »
Stirb!
Der Eine stirbt, daneben der Andre lebt:
Das macht die Welt so tiefschön.
Caldi i venti

Caldi i venti, spunta l'erba
dai prati soleggiati.
Ascoltai Ascolta, canta l'usignolo.
lo voglio cantare:
Lassù, in alto nella fosca foresta montana,
si scioglie e scintilla, fredda, la neve,
una fanciulla in veste grigia
si appoggia a un umido tronco di quercia,
malate sono le sue guancie delicate,
gli occhi grigi guardano febbricitanti
attraverso i foschi tronchi giganteschi,
«Egli non giunge ancora,
Mi lascia attendere...»
Muori!
L'uno muore, accanto l'altro vive:
Ciò fa il mondo così profondamente bello.


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Sala Casella, 20 maggio 1963

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 15 luglio 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.