Glossario



Quartetto per archi n. 31 in re maggiore, op. 24 n. 1, G 189

Musica: Luigi Boccherini
  1. Moderato (re maggiore)
  2. Grave (re minore)
  3. Allegro assai (re maggiore)
Organico: 2 violini, viola, violoncello
Composizione: 1776-1778
Edizione: Sieber, Parigi, 1778 (come op. 27 n. 5)

Guida all'ascolto (nota 1)

Felicità e ricchezza inventiva sfoggia l'esposizione del Moderato d'apertura. Il gruppo tematico principale è diviso in due sezioni: la prima offre un articolato gioco di motivi fra gli strumenti, la seconda sovrappone figure di ribattuto (violino II, viola, violoncello) e scale ascendenti (violino I). La transizione è condotta con garbo concertante dal violoncello, poi dal violino I. È sempre il violino I a tracciare il brillante secondo tema quindi una terza, «dolce», idea. Il gruppo conclusivo su pedale riutilizza alla viola la figura di ribattuto; segue il ritornello dell'esposizione. Lo sviluppo fa un impiego intensivo della testa del gruppo tematico principale, includendo fra l'altro una falsa ripresa, e della transizione; ne consegue che la vera ripresa può agganciarsi direttamente al secondo tema, per poi proseguire con la terza idea e il gruppo conclusivo. A sorpresa, la coda è costituita dalla seconda sezione del gruppo principale. Pagina di eccezionale carica emotica, il Grave ha anch'esso struttura di sonata. L'esposizione conta il tema principale, cantabile e patetico, e un tema secondario, più fiorito, articolato in due sezioni di cui la seconda, «soave», culmina in una breve cadenza estemporanea del violino I. Dal violino II è invece condotto, con motivi dell'esposizione e cromatismi discendenti, lo sviluppo, concluso su pedale, con breve cadenza e successiva fermata. La ripresa è formata da due ritorni, separati da una lunga pausa, del tema principale quindi dalla coda. Uno schema bipartito si riconosce nel finale, Allegro assai. Caratteristica della prima parte, poi ritornellata, è l'organizzazione del tema in frasi contrapposte: a una frase in minore, «pianissimo», ne fa riscontro un'altra in maggiore, «fortissimo». Nella seconda parte, s'incontrano un episodio intermedio e una ripresa del tema, abbreviato e ritoccato, culminante in una cadenza evitata e in una lunga pausa. Gesti questi che ricompaiono alla fine dell'episodio di chiusura, poi ripetuto con senso conclusivo; segue il ritornello dell'intera seconda parte.

Cesare Fertonani


(1) Testo tratto dal libretto inserito nel CD allegato allo speciale n. 19 della rivista Amadeus

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 30 marzo 2014
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.