Glossario



Quintetto n. 10 per flauto e archi in re maggiore, op. 19 n. 4, G 428

Musica: Luigi Boccherini
  1. Adagio
  2. Minuetto: Con moto - Trio
Organico: flauto, 2 violini, viola, violoncello
Composizione: 1774
Edizione: La Chevardière, Parigi, 1776 circa (come op. XXV n. 4)

Guida all'ascolto (nota 1)

Questa composizione risale al 1774 e venne pubblicata per la prima volta dall'editore Sieber di Parigi con il numero d'opera 25. L'autografo è fino ad ora rimasto sconosciuto. Nei quattro caratteristici tempi va rilevato un carattere decisamente spagnolo. Come si sa, le prime opere composte per la Corte di Madrid non ottennero presso il re il successo che Boccherini si attendeva. Fu forse allora che il compositore volle accontentare l'infante Don Luigi, con lavori più caratteristici. Poco dopo gli venne concesso il titolo di «compositore e virtuoso di camera».

Mario Rinaldi


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di Via della Conciliazione, 5 aprile 1963

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 29 novembre 2014
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.