Glossario



Sinfonia n. 10 in fa maggiore, op. 35 n. 4, G 512

Musica: Luigi Boccherini
  1. Allegro assai (fa maggiore)
  2. Andantino (si bemolle maggiore)
  3. Allegro vivace (fa maggiore). Tempo di Minuetto (fa maggiore). Allegro vivace (fa maggiore)
Organico: 2 violini obbligati, 2 oboi, 2 corni, 2 violini, viola, violoncello (o fagotto), contrabbasso
Composizione: 1782
Edizione: Ricordi, Milano, 1958
Dedica: per S.A.R. Luigi di Spagna

Guida all'ascolto (nota 1)

La Quarta Sinfonia in fa maggiore di Boccherini è stata ritrovata nelle parti d'orchestra da Pina Carmirelli qualche anno fa a Parigi. Se ne dà la elaborazione e revisione di Guido Guerrini per orchestra da camera. Il lavoro fu composto tra il 1787 e il 1797.

Notevole n'è il primo movimento (Allegro assai) con il suo spunto semplice e incisivo che riesce poi ad ingrandirsi e ad alzarsi verso toni che possono definirsi drammatici. Di aspetto ancora più singolare si presenta il tempo finale (Allegro vivace) che viene inopinatamente - e genialmente, se vogliamo - interrotto da un Minuetto, un vero gioiello, per usare una qualifica di rito. Dopo il Minuetto, si ha la ripresa della prima parte (Allegro vivace) con relativa chiusa.

Giorgio Graziosi


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Teatro Eliseo, 30 novembre 1961

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 17 marzo 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.