Glossario



Lerchengesang (Canto dell'allodola), op. 70 n. 2

per voce e pianoforte

Musica:
Johannes Brahms
Testo: Carl Candidus
Organico: voce, pianoforte
Composizione: 1875 - 1877
Edizione: Simrock, Berlino 1877

Commento (nota 1)

Lerchengesang è il secondo dei quattro Lieder dell'op. 70, scritti tra il 1875 e il 1877. Su versi di Carl Candidus, in si maggiore, tempo alla breve (Andante espressivo) Lerchengesang prende l'avvio con quattro misure d'introduzione all'idea principale, tra le ripetizioni della quale l'intervento della voce assume l'aspetto dello stile recitativo. In 6/4 segue l'andamento del Lied con l'adeguato accompagnamento pianistico. La seconda strofa si dipana nel medesimo carattere dell'inizio.

Luigi Bellingardi

Testo

LERCHENGESANG

Aetherisch ferne Stimmen,
der Lerchen himmlische Grüsse,
wie regt ihr mir so süsse
die Brust, ihr lieblichen Stimmen!

Ich schliesse leis mein Auge,
da ziehn Erinnerungen
in saften Dämmerungen,
durchweht vom Frühlingshauche.

(C. Candidus)
CANTO DELL'ALLODOLA

Eteree voci lontane,
saluto celeste delle allo'dole,
come suonano dolci
al mio petto, le amate vostre voci!

Socchiudo appena i miei occhi,
si affollano i ricordi
nei dolci crepuscoli,
pervasi dalla brezza primaverile.

(Traduzione di Luigi Bellingardi)


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia;
Roma, Auditorio di via della Conciliazione, 3 giugno 1994

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 19 ottobre 2013
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.