Glossario



Das Mädchen spricht (La fanciulla parla), op. 107 n. 3

per voce e pianoforte

Musica:
Johannes Brahms
Testo: Otto Friedrich Gruppe
Organico: voce, pianoforte
Composizione: 1886
Prima esecuzione: Vienna, Singakademie von Gesellschaft der Musikfreunde, 11 febbraio 1887
Edizione: Simrock, Berlino, 1889

Commento (nota 1)

Das Mädchen spricht è il terzo dei cinque Lieder dell'op. 107 (1886). Su testo di O. F. Gruppe, in la maggiore in tempo 3/4 (Con vitalità e grazia) Das Mädchen spricht è un Lied di straordinaria e trascinante amabilità, con una linea melodica molto naturale nella sua effusione lirica mentre l'accompagnamento si articola nella successione di figure leggere e graziose che sorreggono il canto con stupefacente felicità inventiva e mirabile sicurezza stilistica, spiccatamente in alcuni particolari della scansione ritmica.

Luigi Bellingardi

Testo

DAS MÄDCHEN SPRICHT

Schwalbe, sag' mir an,
ist's dein alter Mann,
mit dem du's Nest gebaut,
oder hast du jünst
erst dich ihm vertraut?

Sag', was zwitschert ihr,
sag', was flüstert ihr
des morgens so vertraut?
Gelt, du bist wohl auch
noch nicht lange Braut?

(O. F. Gruppe)
LA FANCIULLA PARLA

Rondine, dimmi,
è col compagno di un tempo,
che hai fatto il nido,
o solo da poco
a lui ti sei affidata?

Dimmi, cosa vi cinguettate,
dimmi, cosa vi mormorate
al mattino con tanta intimità?
E vero, che anche tu
non sei sposa da molto?

(Traduzione di Claudio Groff)


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia;
Roma, Auditorio di via della Conciliazione, 3 giugno 1994

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 19 ottobre 2013
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.