Glossario



Die Mainacht (Notte di Maggio), op. 43 n. 2

lied per voce e pianoforte

Musica:
Johannes Brahms
Testo: Ludwig Hölty
Organico: voce, pianoforte
Composizione: 1864
Prima esecuzione: Amburgo, Singakademie "Carl Georg Grädener", 11 marzo 1868
Edizione: Rieter-Biedermann, Lipsia e Winterthur, 1868

Testo (nota 1)

Die Mainacht

Wann der silberne Mond durch die Gesträuche blinkt.
Und sein schlummerndes Licht über den Rasen streut.
Und die Nachtigall flötet,
Wandl'ich traurig von Busch zu Busch.

Überhüllet von Laub girret ein Taubenpaar
Sein Entzücken mir vor; aber ich wende mich,
Suche dunklere Schatten,
Und die einsame Träne rinnt.

Wann, o lächelndes Bild, welches wie Morgenrot
Durch die Seele mir strahlt, find ich auf Erden dich?
Und die einsame Träne
Bebt mir heisser die Wang herab!
Notte di maggio

Quando l'argentea luna occhieggia dai cespugli
e riversa sull'erba la luce sonnolenta
e l'usignolo canta con voce di flauto
triste mi aggiro di macchia in macchia.

Celata nel fogliame, una coppia di colombi
tuba estasiata; ma io mi scosto
cerco ombre più cupe,
e solitaria scende una lacrima.

Quando, o sorridente immagine, che come aurora
mi splende nell'animo, quando ti troverò su questa terra?
E la lacrima solitaria palpitando,
mi scorre bruciante sulla guancia!
(Traduzione di Claudio Groff)


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia;
Roma, Auditorium Parco delle Musica, 21 novembre 2003

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 30 aprile 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.