Glossario



Wie Melodien zieht es mir (Come una melodia mi attrae), op. 105 n. 1

Lied per voce grave e pianoforte

Musica:
Johannes Brahms
Testo: Klaus Groth
Organico: voce grave, pianoforte
Composizione: 1886
Prima esecuzione: Vienna, Singakademie von Gesellschaft der Musikfreunde, 11 febbraio 1887
Edizione: Simrock, Berlino, 1889

Testo (nota 1)

WIE MELODIEN ZIEHT ES MIR

Wie Melodien zieht es
mir leise durch den Sinn,
wie Frühlingsblumen blüht es,
und schwebt wie Duft dahin.

Doch kommt das Wort und fasst
es und führt es vor das Aug
wie Nebelgrau erblasst
es und schwindet wie ein Hauch.

Und dennoch ruht im Reime
verborgen wohl ein Duft,
den mild aus stillen Keime
ein feuchter Auge ruft.
COME UNA MELODIA MI ATTRAE

Come una melodia  mi attrae
dolcemente attraverso i sensi,
e fiorisce come fiori di primavera
e si libra nell'aria come un profumo.

Ora segue la parola,
l'afferra e conduce innanzi all'occhio,
impallidisce come il grigiore della nebbia
e svanisce come un alito.

E sì nasconde poi nel verso un profumo
che uno sguardo inumidito dal pianto
evoca dolcemente da un segreto germoglio.


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia;
Roma, Sala Accademica di via dei Greci, 26 novembre 1971

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 24 novembre 2013
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.