Glossario



Sommerabend (Sera d'estate), op. 84 n. 1

lied per voce femminile e pianoforte

Musica:
Johannes Brahms
Testo: Hans Schmidt
Organico: voce femminile, pianoforte
Composizione: 1878 - 1881
Edizione: Simrock, Bonn, 1881

Testo (nota 1)

SOMMERABEND
 
Geh' schlafen, Tochter, schlafen!
Schon fällt der Tau aufs Gras,
Und wen die Tropfen trafen,
Weint bald die Augen nass!

«Lass weinen, Mutter, weinen!
Das Mondlicht leuchtet hell,
Und wem die Strahlen scheinen,
Dem Trocken Tränen schnell!»

Geh' schlafen, Tochter, schlafen!
Schon ruft der Kauz im Wald,
Und wen die Töne trafen,
muss mit ihm klagen bald.

«Lass klagen, Mutter, klagen!
Die Nachtigall singt hell,
Und wem die Lieder schlagen,
Dem schwindet Trauer schnell».
SERA D'ESTATE

Va' a dormire, figlia mia, va' a dormire!
La rugiada già scende sull'erba,
chi è colpito dalle sue gocce
ha subito gli occhi pieni di lacrime!

«Lasciami piangere, o mamma, lasciami piangere!
chiara risplende la luce della luna,
e a chi contempla i suoi raggi
in fretta si asciugano le lacrime!»

Va' a dormire, figlia mia, va' a dormire!
nella foresta già grida la civetta,
e chi ne ascolta gli stridi
deve ben presto con essa piangere.

«Lasciami piangere, o mamma, lasciami piangere!
luminoso canta l'usignolo,
e a chi ne ascolta il gorgheggio,
qualsiasi tristezza subito scompare!»


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia;
Roma, Auditorio di via della Conciliazione, 22 febbraio 1985

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 25 luglio 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.