Glossario



Spätherbst (Autunno avanzato), op. 92 n. 2

lied per quartetto vocale e pianoforte

Musica:
Johannes Brahms
Testo: Hermann Allmers
Organico: soprano, contralto, tenore, basso, pianoforte
Composizione: 1877 - 1884
Prima esecuzione: Prima esecuzione: Lipsia, Gewandhaus Kleiner Saal, 26 gennaio 1893
Edizione: Simrock, Berlino, 1884

Guida all'ascolto (nota 1)

«Spätherbst» costituisce l'op. 92 n. 2. Il tempo è un «Andante». La caratteristica dominante della composizione è data dal fatto che il soprano ha una conduzione vocale nettamente differenziata da quella delle altre voci. Anche qui il gusto armonico e la sensibilità vocalistica di Brahms mantengono comunque a tutto il lavoro un tono costantemente espressivo e lirico.

Testo

SPÄTHERBST

Der graue Nebel tropft so still
Herab auf Feld und Wald und Heide,
Als ob der Himmel weinen will
In übergrossem Leide.
Die Blumen wollen nicht mehr blühn,
Die Vöglein schweigen in den Hainen,
Es starb sogar das letzte Grün,
Da mag er auch wohl weinen.
ULTIMO AUTUNNO

Nella nebbia grigia scendono silenziose le gocce
su campi, boschi e prati,
come se il cielo volesse piangere
per il suo immenso dolore.
I fiori non vogliono più sbocciare,
tacciono gli uccellini nei boschetti,
si è spento anche l'ultimo tocco di verde,
può dunque piangere anche lui.


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia;
Roma, Sala Accademica di via dei Greci, 17 novembre 1967

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 21 aprile 2014
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.