Glossario



O wüsst ich doch den Weg zurück (O conoscessi la via del riorno), op. 63 n. 8

lied per voce e pianoforte

Musica:
Johannes Brahms
Testo: da Heimweb di Klaus Groth
Organico: voce, pianoforte
Composizione: 1873 - 1874
Prima esecuzione: Monaco, 16 dicembre 1874
Edizione: Peters, Lipsia, 1874

Testo (nota 1)

O WÜSST ICH DOCH DEN WEG ZURÜCK

O wüsst ich doch den Weg zurück
Den lieben Weg zum Kinderland!
O warum sucht ich nach dem Glück
Und Hess der Mutter Hand?

O wie mich sehnet auszuruhn,
Von keinem Streben aufgeweckt,
Die müden Augen zuzutun,
Von Liebe sanft bedeckt!

Und nichts zu forschen, nichts zu spähn,
Und nur zu träumen leicht und lind;
Der Zeiten Wandel nicht zu sehn,
Zum zweiten Mal ein Kind!

O zeig mir doch den Weg zurück,
Den lieben Weg zum Kinderland!
Vergebens such ich nach dem Glück,
Ringsum ist öder Strand!
O CONOSCESSI LA VIA DEL RITORNO

O conoscessi la via del ritorno,
la cara via che alla fanciullezza riporta!
Perché andai in cerca di felicità
abbandonando la mano materna?

O come cerco il riposo,
non destato da sforzo alcuno
chiudere vorrei gli occhi stanchi,
soavemente ammantato d'amore!

Non dover cercare, non scrutare,
abbandonarsi a sogni lievi, teneri;
non vedere il mutare dei tempi,
tornare di riuovo bambino!

O mostrami la via del ritorno,
la cara via che alla fanciullezza riporta!
Invano inseguo la felicità,
intorno a me c'è spiaggia deserta.


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Teatro Olimpico, 11 maggio 1988

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 25 giugno 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.