Glossario
Testo delle parti vocali



Canticle II "Abraham and Isaac", op. 51

per contralto, tenore e pianoforte

Musica:
 Benjamin Britten
Testo: tratto dal Chester Miracle Play
Organico: contralto, tenore, pianoforte
Composizione: gennaio 1952
Prima esecuzione: Nottingham, 20 gennaio 1952
Edizione: Boosey & Hawkes, Londra, 1953

Guida all'ascolto (nota 1)

Abraham and Isaac è uno dei "Canticles" che Britten compose in epoche diverse e raccolse poi con quel titolo generico ("Cantici" nel senso di cantate di proporzioni ridotte, inni narrativi o celebrativi). Abraham and Isaac fu composto nel 1952, per le voci, illustrissime, di Kathleen Ferrier e Peter Pears. Al testo, ingenuo e scarno (è uno degli English Miracle Plays medievali, incluso nell'antologia di A.W. Pollard) si adatta mirabilmente la musica, che non tradisce e neppure mai altera la religiosa semplicità primitiva, eppure evita con esperti accorgimenti di invenzione e di stile qualunque traccia di monotonia. Sì che ne risulta una piccola cantata drammatica a due voci, con alternanza di forme prudentemente evocate e presentate (recitativo, arioso, aria, duetto) e con qualche abbandono melodico condotto e controllato con elegante manierismo (il pianto di Isacco e il duetto, in re bemolle maggiore, del Farewell tra padre e figlio).

Franco Serpa


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Teatro Olimpico, 3 maggio 2001

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 2 marzo 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.