Glossario
Testo delle parti vocali



Nocturne, op. 60

per tenore, sette strumenti e archi

Musica:
 Benjamin Britten
Senza interruzione contiene questi testi:
  1. Prometheus Unbound - Molto lento e tenero
    Testo: Shelley
  2. The Kraken - Maestoso (fagotto obbligato)
    Testo: Tennyson
  3. The Wanderings of Cain - Valzer lento (arpa obbligata)
    Testo: Coleridge
  4. Blurt, Master Constable - Come prima (corno obbligato)
    Testo: Middleton
  5. The Prelude (1805) - Alla marcia (timpani obbligati)
    Testo: Wordworth
  6. The Kind Ghosts - Lento e misurato (corno inglese obbligato)
    Testo: Owen
  7. Sleep and Poetry - Allegro (duetto per flauto e clarinetto)
    Testo: Keats
  8. Sonnet 43 - Lento
    Testo: Shakespeare
Organico: tenore, flauto, corno inglese, clarinetto, fagotto, corno, timpani, arpa, archi
Composizione: agosto - settembre 1958
Prima esecuzione: Leeds, Town hall, 16 ottobre 1958
Edizione: Boosey & Hawkes, Londra, 1959
Dedica: Alma Mahler

Guida all'ascolto (nota 1)

Il «Notturno» mette in musica otto poesie inglesi di autori diversi. Con un modo inaugurato dalla «Serenata» op. 31 per tenore, corno e archi del '43, anche qui il musicista tratta la sostanza verbale con grande libertà e inimitabile abilità, al fine di esaltare la qualità poetica delle parole integrandone il particolare ritmo in quello peculiare della musica. Può darsi il caso, cioè, che i due ritmi appaiano in contrasto, ma ciò avviene per evitare una prosaica accentuazione ed ottenere una declamazione più duttile e ricca di sfumature. Del resto, non è già la singola parola, ma il significato del loro insieme ad essere assunto dalla musica: e nell'interpretazione sonora di tale significato, i pittoreschi interventi dei sette strumenti obbligati vengono assorbiti perfettamente senza disturbo.

Il «Notturno» inizia con un passo degli archi in sordina - che ritornerà nel corso del lavoro - che fa da sfondo alla scena evocata dai versi che cominciano «On a poet's lips I slept» del «Prometeo liberato» di Shelley. Nei brani seguenti, gli strumenti obbligati svolgono un ruolo pittoresco: il fagotto raffigura il mostro marino Kraken di cui si parla nella poesia di Tennyson; l'arpa accompagna il «Vagabondaggio di Caino» di Coleridge; il corno avvolge con arabeschi imitativi i versi di Middleton; i timpani descrivono i terremoti, i massacri ed echeggiano i cupi ammonimenti del «Preludio» di Wordsworth; il corno inglese esprime l'angoscia degli «Spiriti gentili» di Owen; infine, il flauto e il clarinetto sottolineano col loro ritmo brillante i versi di Keats. Tutti questi strumenti si uniscono per accompagnare l'ultima poesia, il sonetto di Shakespeare. «When most I ivink».

Nicola Costarelli


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Sala Accademica di via dei Greci, 15 dicembre 1961

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 27 giugno 2014
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.