Glossario
Guida all'ascolto



Spring Symphony, op. 44

Testo delle parti vocali (nota 1)

SPRING SYMPHONY SINFONIA DI PRIMAVERA
PARTE PRIMA
INTRODUCTION
Shine out, fair sun, with all your heat,
Show all your thousand-coloured light!
Black winter freezes to his seat;
The grey wolf howls he does so bite;
Crookt age on three knees creeps the street;
The boneless fish close quaking lies
And eats for cold his aching feet;
The stars in icicles arise;
Shine out, and make this winter night
Our beauty's spring, our Prince of Light!
Anon., l6th century
INTRODUZIONE (Coro)
Splendi, sole bello, in tutto il tuo calore,
dispiega la tua luce dai mille colori!
Il nero inverno gela sul suo seggio;
il lupo grigio ulula al freddo che morde;
il vecchio curvo si trascina per via su tre ginocchi;
il pesce senz'ossa giace tutto tremante
e dal freddo si mangia la coda dolente;
spuntano ghiacciate le stelle!
Splendi, e muta questa notte d'inverno,
oh nostro principe della luce! nella primavera di nostra
[bellezza!
Anonimo del XV secolo
THE MERRY CUCKOO
The merry cuckoo, messenger of spring,
His trumpet shrill hath thrice already sounded;
That warns all lovers wait upon their king,
Who now is coming forth with garlands crowned;
With noise thereof the quire of birds resounded
Their anthems sweet devised of love's praise,
That all the woods their echoes back rebounded,
As if they knew the meaning of their lays,
But 'mongst them all, which did love's honour raise
No word was heard of her that most it ought,
But she his precept proudly disobeys,
And doth his idle message set at nought.
Therefore O love, unless she turn to thee,
Ere cuckoo end, let her a rebel be.
Edmund Spenser (?1552 - 1599)
L'ALLEGRO CUCULO (Tenore)
L'allegro cuculo, messo di primavera,
già tre volte ha suonato la stridula tromba:
invita ogni amante ad attendere il suo sovrano:
che ora s'avvicina cinto di ghirlande:
rumoroso il coro degli uccelli levava
dolci inni in lode d'amore:
ogni bosco ne rimandava l'eco,
quasi sapesse il significato dei canti.
Mentre ognuno celebrava l'amore
non una parola disse chi più lo doveva:
superba, disobbedisce al suo comando
e sprezza il suo amoroso messaggio.
Amore, se lei a te non ritorna,
sia pur ribelle finché il cuculo cessi!
Edmund Spenser (?1552 -1599)
SPRING, THE SWEET SPRING

Spring, the sweet spring, is the year's pleasant king;
[in a ring,
Then blooms each thing, then maids dance
Cold doth not sting, the pretty birds do sing:
Cuckoo, jug-jug, pu-we, to-witta-woo!
The palm and may make country houses gay,
Lambs frisk and play, the shepherds pipe all day,
And we hear aye birds tune this merry lay:
Cuckoo, jug-jug, pu-we, to-witta-woo!
The fields breathe sweet, the daisies kiss our feet,
Young lovers meet, old wives a-sunning sit;
In ever)7 street these tunes our ears do greet:
Cuckoo, jug-jug, pu-we, to-witta-woo!
Spring, the sweet Spring!
Thomas Nashe (1567 - 1601)
PRIMAVERA, LA DOLCE PRIMAVERA
(Soprano, Contralto, Tenore, Coro)

Primavera, la dolce primavera è l'amorosa regina
[dell'anno;
ecco fiorisce ogni cosa, danzano in tondo le fanciulle.
Il freddo non punge, cantano gli uccelli:
cuccù, giag-giag, pu-uà, to-uitta-ù!
Palma e biancospino allietano i casolari,
saltellano e ruzzan gli agnelli, i pastori tuttodì suonan
[la zampogna,
sentiamo gli uccelli intonare questo allegro canto:
cuccù, giag-giag, pu-uà, to-uitta-ù!
Respirano dolcemente i campi, ci baciano i piedi le
[pratoline,
s'incontran giovani amanti, le anziane siedono al sole;
ovunque ci risuonan negli orecchi questi canti:
cuccù, giag-giag, pu-uà, to-uitta-ù!
Primavera, la dolce primavera!
Thomas Nashe (1567 - 1601)
THE DRIVING BOY
When as the rye reach to the chin.
And chopcherry, chopcherry ripe within,
Strawberries swimming in the cream,
And schoolboys playing in the si ream;
Then O, then, O then O, my true love said,
Till that time come again,
She could not live a maid.
George Peele (?1556 - ?1596)
IL GIOVANE BOVARO (Voci bianche)
Quando la segale arriva al mento,
le ciliegie, son mature le ciliegie,
le fragole nuotan nella crema,
giocano nella corrente gli studenti,
allora, allora, allora disse il mio amore:
"Fin che quel tempo tornerà
potrei non restare fanciulla".
George Peele (?1556 - ?1599)
The driving boy, beside his team
Of iMay-month's beauty now will dream,
And cock his hat, and turn his eye
On flower and tree and deepening sky;
And oft burst loud in fits of song,
And whistle as he reels along,
Cracking his whip in starts of joy -
A happy, dirty, driving boy.
John Clare (1793 - 1864)
Il giovane bovaro, presso la sua pariglia,
già sogna la bellezza del maggio:
cappello all'insù, volge gli occhi al fiore,
all'albero e al cielo che s'incupa;
canta sovente a piena gola,
fischietta ballando a torno,
schiocca con scoppi gioiosi la fnisla -
felice, sudicio bovaro.
John Clare (1793 - 1864)
THE MORNING STAR
Now the bright morning star, day's harbinger,
Comes dancing from the East, and leads with her
[throws
The flowery May, who from her green lap
The yellow cowslip, and the pale primrose.
Hail, bounteous May that doth inspire
Mirth and youth and warm desire,
Woods and groves are of thy dressing,
Hill and dale doth boast thy blessing
Thus we salute thee with our early song,
And welcome thee, and wish thee long.
John Milton (1608 - 1674)
LA STELLA DEL MATTINO (Coro)
La lucente stella del mattino, nunzia del giorno,
vien danzando da Oriente, conduce con sé
il maggio fiorito che dal verde grembo sparge
il giallo ranuncolo e la primula pallida.
Salve, maggio generoso, che ispiri
gioia, gioventù e calda brama,
foreste e boschetti si rivestono di te,
colline e vallate vantan la tua benedizione.
Ti salutiamo col nostro primo canto,
ti diamo il benvenuto, t'auguriam lungo soggiorno.
John Milton (1608 - 1674)
PARTE SECONDA
WELCOME MAIDS OF HONOUR
Welcome Maids of Honour
You doe bring
In the Spring;
And wait upon her.

She has virgins many,
Fresh and faire;
Yet you are
More sweet than any.

Y'are the maiden Posies,
And so grac'd,
To be plac'd,
'Fore Damask Roses.

Yet though thus respected,
By and by
Ye do lie,
Poore girles, neglected.
Robert Herrick (1591 - 1674)
BENVENUTE, DAMIGELLE D'ONORE (Contralto)
Benvenute, damigelle d'onore,
voi portate
la primavera,
e la servite.

Molte vergini possiede
fresche e belle,
ma voi siete
più dolci di quelle.

Siete un bouquet di fanciulle,
tanto graziose
che vincete
le rose di Damasco.

Ognuno vi rispetta,
ma ben presto
vi spregerà,
povere neglette fanciulle.
Robert Herrick (1591 - 1674)
WATERS ABOVE
Waters above! eternal springs!
The dew, that silvers the Dove's wings!
O welcome, welcome to the sad:
Give dry dust drink; drink that makes glad!
Many fair ev'nings, many flowers
Sweeten'd with rich and gentle showers
Have I enjoy'd, and down have run
Many a fine and shining sun;
But never till this happy hour
Was blest with such an evening-shower!
Henry Vaughan Q622 - 1695)
ACQUE DI LASSÙ (Tenore)
Acque di lassù! eterne fonti!
rugiada che inargenti l'ali alla colomba!
Oh benvenute, benvenute per gli infelici:
date alla secca polvere la bevanda che l'appaga!
Molte belle sere, molti fiori,
confortati da copiosi dolci rovesci,
io ho goduti, ho visto tramontare
molti splendidi soli;
ma mai fino a quest'ora felice
ha allietato la mia sera un simile rovescio!
Henry Vaughan (1622 - 1695)
OUT ON THE LAWN I LIE IN BED

Out on the lawn I lie in bed,
Vega conspicuous overhead
In the windless nights of June;
Forests of green have done complete
The day's activity; my feet
Point to the rising moon.

Now North and South and East and West
Those I love lie down to rest;
The moon looks on them all;
The healers and the brilliant talkers,
The eccentrics and the silent walkers,
The dumpy and the tall.

To gravity attentive, she
Can notice nothing here; though we
Whom hunger cannot move,
From gardens where we feel secure
Look up, and with a sigh endure
The tyrannies of love:

And, gentle, do not care to know,
Where Poland draws her Eastern bow,
What violence is done;
Nor ask what doubtful act allows
Our freedom in this English house,
Our picnics in the sun.
Wystan Hugh Auden (1907 - 1973)
FUORI SUL PRATO MI SONO SDRAIATO
(Contralto, Coro)

Fuori sul prato mi sono sdraiato,
Vega luminosissima sopra di me
nelle notti di giugno senza vento;
le foreste di verde han terminato
l'attività del giorno; i miei piedi
son puntati verso la luna nascente.

A nord, sud, est, ovest,
quelli che amo giacciono nel sonno,
la luna lì osserva tutti dall'alto:
i guaritori e i brillanti oratori,
gli eccentrici e i passeggeri silenziosi,
i sottoposti e i potenti.

Preoccupata della gravità, essa
nulla può notare quaggiù; anche se noi,
che la fame non riesce a smuovere,
dai giardini dove ci sentiamo al sicuro
guardiamo in alto, e con un sospiro sopportiamo
la tirannia dell'amore:

ingenui, non c'importa di sapere
dove la Polonia tenda il suo arco orientale,
quanta violenza vi si perpetri;
non ci chiediamo che dubbio atto permetta
la nostra libertà in questa inglese dimora,
i nostri picnic al sole.
Wystan Hugh Auden (1907 - 1973)
PARTE TERZA
WHEN WELL MY MAY COME
When will my May come, that I may embrace thee?
When will the hour be of my soule's joying?
If thou wilt come and dwell with me at home;
My sheepcote shall be strowed with new green rushes
[roam;
We'll haunt the trembling prickets as they
About the fields, along the hawthorn bushes;
I have a piebald cur to hunt the hare;
So we will live with dainty forest fare.

And when it pleaseth thee to walk abroad,
(Abroad into the fields to take fresh aire)
The meads with Flora's treasures shall be strowed,
(The mantled meadows and the fields so fair.)
And by a silver well (with golden sands)
I'll sit me down, and wash thine iv'ry hands.

But if thou wilt not pitie my complaint,
My tears, nor vowes, nor oathes, made to thy Beautie:
What shall I do? but languish, die, or faint,
Since thou dost scorne my tears, and soule's duetie:
And tears contemned, vowes, and oathes must fail:
For when tears cannot, nothing can prevaile.
Richard Barnefield (1574 - 1627)
QUANDO VERRÀ IL MIO MAGGIO (Tenore)
Quando verrà il mio maggio per abbracciarti?
Quando sarà l'ora della gioia per l'anima mia?
Se verrai con me ad abitare nella mia casa,
la mia capanna s'ornerà di giunchi verdi novelli;
inseguiremo i cerbiatti tremanti mentre
vagano nei campi lungo i cespugli spinosi;
ho un cagnaccio bastardo per la caccia alla lepre,
vivremo di sceltissima selvaggina.


Se brami passeggiare fuori porta
(fuori nei campi a prendere il fresco),
i prati saran seminati coi tesori di Flora
(i prati ammantati e i campi sì biondi),
presso una fonte argentina (con sabbia dorata)
mi siederò a lavar le tue eburnee mani.

Ma se non t'impietosiranno i miei lamenti,
le mie lacrime, i voti, i giuramenti alla tua bellezza,
che mai farò? se non languire, morire, o venir meno,
da quando non curi le mie lacrime e l'affanno
[dell'anima mia;
lacrime sprezzate, voti e giuramenti falliranno
se le lacrime non possono, null'altro lo può.
Richard Barnefield (1574 -1627)
FAIR AND FAIR
Fair and fair, and twice so fair,
As fair as any may be;
The fairest shepherd on our green
A love for any lady.
Fair and fair, and twice so fair,
As fair as any may be;
Thy love is fair for thee alone,
And for no other lady.

My love is fair, my love is gay,
As fresh as bin the flowers in May;
And of my love my roundelay,
My merry, merry, roundelay,
Concludes with Cupid's curse:
They that do change old love for new,
Pray gods they change for worse.

Fair and fair, and twice so fair,
As fair as any may be;
The fairest shepherd on our green
A love for any lady.
Fair and fair, and twice so fair,
As fair as any may be;
Thy love is fair for thee alone,
And for no other lady.

My/Thy love can pipe, my/thy love can sing,
My/Thy love can many a pretty thing,
And of this lovely praises ring
My/Thy merry, merry, roundelays,
Amen to Cupid's curse:
They that do change old love for new,
Pray gods they change for worse.
George Peele (?1556 - ?1596)
BELLO BELLO (Soprano, Tenore)
Bello bello, due volte bello,
bello che più non si può:
il più bel pastore del nostro prato,
l'amore d'ogni dama.
Bello bello, due volte bello,
bello che più non si può:
il tuo amore è bello solo per te,
e per nessun'altra dama.

Il mio amore è bello, il mio amore è allegro,
fresco come i fiori di maggio;
e il rondò del mio amore,
l'allegro allegro rondò,
finisce con la maledizione di Cupido:
«Chi cambia vecchio con nuovo amore,
prego gli dèi che il cambio sia peggiore».

Bello bello, due volte bello,
bello che più non si può:
il più bel pastore del nostro prato,
l'amore d'ogni dama.
Bello bello, due volte bello,
bello che più non si può:
il tuo amore è bello solo per te,
e per nessun'altra dama.

Il mio/tuo amore sa suonare, il mio/tuo amore sa
[cantare,
il mio/tuo amore sa tante cose belle,
nelle sue lodi amabili risuona
il mio/tuo allegro allegro rondò,
un amen alla maledizione di Cupido:
«Chi cambia vecchio con nuovo amore,
prego gli dèi che il cambio sia peggiore».
George Peele (?1556 - ?1596)
SOUND THE FLUTE
Sound the flute!
Now it's mute,
Birds delight
Day and night
Nightingale
In the dale,
Lark in sky
Merrily.
Merrily, merrily, to welcome in the year.

Little boy
Full of joy.
Little girl
Sweet and small.
Cock does crow
So do you.
Merry voice
Infant noise
Merrily, merrily, to welcome in the year.

Little lamb
Here I am.
Come and lick
My white neck.
Let me pull
Your soft wool.
Let me kiss
Your soft face.
Merrily, merrily, to welcome in the year.
William Blake (1757 - 1827)
SUONATE IL FLAUTO! (Coro, Voci bianche)
Suonate il flauto!
Ora è muto;
Gioiscon gli uccelli
giorno e notte.
L'usignolo
nella valle,
l'allodola in cielo,
lieti
lieti lieti ad accogliere l'anno.

Fanciullo
pieno di gioia,
fanciulla
dolce e tenera,
il gallo canta,
e tu pure.
Voce allegra,
rumori d'infanti
lieti lieti ad accogliere l'anno.

Agnellino,
eccomi qua.
Vieni a leccare
il mio collo bianco.
Lasciami tirare
la tua soffice lana.
Lasciami baciare
il tuo tenero viso.
Lieti, lieti ad accogliere l'anno.
William Blake (1757 - 1827)
PARTE QUARTA
FINALE

London, to thee I do present
The merry month of May;
Let each true subject be content
To hear me what I say:
With gilded staff and crossed scarf,
The Maylord here I stand,
Rejoice, O English hearts, rejoice!
Rejoice, O lovers dear!
Rejoice, O City, town and country!
Rejoice, eke every shire!
For now the fragrant flowers do spring
And sprout in seemly sort;
The little birds do sit and sing,
The lambs do make fine sport;
And now the birchen-tree doth bud,
That makes the schoolboy cry;
The morris rings, while hobby-horse
Doth foot it feateously;
The lords and ladies now abroad,
For their disport and play,
Do kiss sometimes upon the grass,
And sometimes in the hay;
Now butter with a leaf of sage
Is good to purge the blood;
Fly Venus and phlebotomy,
For they are neither good;
Now little fish on tender stone
Begin to cast their bellies,
And sluggish snails, that erst were mewed,
Do creep out of their shellies;
The rumbling rivers now do warm,
For little boys to paddle;
The sturdy steed now goes to grass,
And up they hang his saddle;
The heavy hart, the bellowing buck,
The rascal, and the pricket,
Are now among the yeoman's peas,
And leave the fearful thicket;
And be like them, O you, I say,
Of this same noble town,
And lift aloft your velvet heads,
And slipping off your gown,
With bells on legs, with napkins clean
Unto your shoulders tied,
With scarfs and garters as you please,
And "Hey for our town!" cried,
March out, and show your willing minds,
By twenty and by twenty,
To Hodgson or to Newington,
Where ale and cakes are plenty;
and let it ne'er be said for shame,
That we the youths of London
Lay thrumming of our caps at home,
And left our custom undone.
Up, then I say, both young and old,
Both man and maid a-maying,
With drums, and guns that bounce aloud,
And merry tabor playing!...
Richard Beaumont (1584 - 1616)
and John Fletcher (1579 - 1625)
FINALE
(Tenore, Contralto, Soprano, Coro, Voci bianche)

Londra, ti presento
l'allegro mese di maggio;
gioisca ogni vero cittadino
ascoltando quel che dico:
con verga dorata e sciarpa a croce,
eccomi qua, signore del maggio.
Gioite, cuori inglesi, gioite!
Gioite, cari amanti!
Gioite, città e contado
Gioite, voi tutte contee!
Ora sbocciano fiori fragranti,
si schiudono in bellezza;
appollaiati gli uccellini cantano,
folleggiano gli augellini;
ora fiorisce la betulla,
che fa pianger lo studente;
risuona la moresca, il cavalluccio
dondola dondola a tempo;
signori e dame escono
al gioco e al sollazzo
chi si bacia sull'erba,
chi si bacia sul fieno;
il burro con foglie di salvia
è buono a purgare il sangue;
fuggite Venere e i salassi,
che buoni non sono;
il pesciolino su liscia pietra
si rotola sul ventre;
pigre lumache, finora rinchiuse,
escono dai loro gusci;
i fiumi scroscianti si intiepidiscono
perché vi sguazzino i fanciulli;
va a brucare il vigoroso destriero,
sta appesa al muro la sua sella;
il grande cervo, il bramante capriolo,
il daino e il cerbiatto,
calpestan l'erba al contadino,
abbandonando la fitta boscaglia;
imitateli, vi dico,
abitanti di questa nobile città:
alzate il capo coperto di velluto,
spogliatevi della vostra veste;
campanelle ai ginocchi, linde salviette
legate sotto le spalle,
sciarpe e giarrettiere a piacer vostro,
gridate "Viva la nostra città!"
Uscite, mostratevi decisi,
andate a venti a venti
verso Hodgson o Newington,
dove abbondano birra e dolciumi;
non si dica a nostro disdoro
che noi giovani di Londra
stiamo in casa a tamburellarci in testa,
rinunciando alle nostre tradizioni.
Su dico, giovani e vecchi,
uomini e donne, alla festa di maggio
con tamburi, mortaretti scoppiettanti,
e tamburelli!...
Richard Beaumont (1584 - 1616)
e John Fletcher (1579 - 1625)
Sumer is icumen in,
Loode sing cuckoo.
Groweth sayd and bloweth mayd
And springth the woode new;
Sing cuckoo!
Awe blayteth after lamb,
Lowth after calve coo;
Bullock stairteth, booke vairteth;
Mirry sing cuckoo,
Cuckoo, Cuckoo,
Well singes thoo, cuckoo,
Nay sweek thoo nayver noo.
Anon., 13th century
Giunta è l'estate,
canta il cuculo.
Spunta il grano, l'erba fiorisce;
rinverdiscono i boschi;
canta, cuculo!
Bela la pecora dietro l'agnello
muggisce la vacca dietro il vitello,
saltella il bue, spetezza il capro;
canta lieto, cuculo,
cuculo, cuculo,
canta con arte cuculo,
non stoni mai il tuo canto.
Anonimo del XIII secolo
... Which to prolong, God save our King,
And send his country peace,
And root out treason from the land!
And so, my friends, I cease.
Richard Beaumont (1584 - 1616)
and John Fletcher (1579 - 1625)
... Per allungare la festa, Dio protegga il nostro re,
doni pace alla sua terra,
allontani dalla patria il tradimento!
Così, amici miei, ho finito.
Richard Beaumont (1584 - 1616)
e John Fletcher (1579 - 1625)
(traduzioni dall'inglese di Olimpio Cescatti)


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di via della Conciliazione, 2 giugno 2001

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 15 maggio 2014
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sitohttp://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.