Glossario



Rond˛ arlecchinesco op. 46, KV 266

Musica: Ferruccio Busoni
Organico: tenore (fuori scena), ottavino, flauto, oboe, 2 clarinetti, 2 fagotti, 2 corni, 2 trombe, 3 tromboni, timpani, glockenspiel, triangolo, tamburo, tamburino, piatti, archi
Composizione: 8 aprile - giugno 1915
Prima esecuzione: Roma, Augusteo, 5 marzo 1916
Edizione: Breitkopf & Hńrtel, Lipsia, 1917
Dedica: Frederick August Stock

Guida all'ascolto (nota 1)

L'Harlekins Reýgen, pagina festosa e pensosa, ironica e brillante, fu composto da Ferruccio Busoni a New York, nel 1915. A Boston, qualche tempo prima, aveva ottenuto un vivo successo la prima esecuzione della sua Berceuse elegiaca op. 42 (composta nel 1909 in memoria della madre), diretta da Gustav Mahler, nell'ultimo anno di vita (1911).

Il Reigen (rond˛, ridda, danza) di Arlecchino anticipa, per il suo spirito, il capriccio teatrale in un atto, dedicato da Busoni alla popolare maschera bergamasca: Arlecchino o Le finestre (1917), diretto per la prima volta in Italia da Vittorio Gui nel 1940, laddove Fernando Previtali, nel 1938, aveva avviato, il recupero della musica busoniana, dirigendo Turandot. Il testo del capriccio Ŕ dello stesso Busoni, e si svolge come satira dei vizi e delle convenzioni sociali, ma con il trionfo di Arlecchino fedele al suo ideale di libertÓ. Nel capriccio la figura di Arlecchino Ŕ per˛ affidata ad un attore. L'immagine musicale dell'eroe viene delineata in questo Harlekins Reigen.

La partitura (fitta di strumenti, ma non massiccia) Ŕ dedicata An F. A. Stock in Chicago. Friedrich A. Stock (1872-1942) era un musicista tedesco (violinista, compositore e direttore d'orchestra), emigrato in America, poi per lungo tempo operante a Chicago, dove morý.

Busoni stesso dÓ la chiave di questo Rond˛, in una nota premessa alla partitura e avviata da questo motto:

Im  buntgeflickten  Gewande
ein geschmeideger Leib
ein kecker una kluger Geist.
In un vestito di toppe variopinte
un agile corpo
un coraggioso e saggio spirito.

Dopo la citazione dei tre versi, Busoni aggiunge una Philosophie de Rondeau arlequinesque. In essa si dice: źIl linguaggio di Arlecchino Ŕ universale. Ora egli afferma decisamente i suoi princýpi con la tromba; ora irride al mondo con il suono dell'ottavino; ora minaccia con i contrabbassi, geme con il violoncello, cerca terre lontane con l'agilitÓ di un violino╗.

I tre pensieri del motto hanno in musica questo significato: 'In un vestito di toppe variopinte' riflette la complessiva libertÓ della struttura formale; 'un agile corpo' riflette il tempo e il ritmo; 'un coraggioso e saggio spirito' riflette il contenuto, e anche lo ardire e la saggezza del compositore.

Pi¨ come idea ispiratrice che come un programma, questa Ŕ la successione di immagini che interess˛ lo autore:

  1. Il ritratto  dell'eroe in due profili e in un 'en face'.
  2. La natura contemplativa e amorosa di Arlecchino (che nella partitura emerge come atteggiamento di serenata).
  3. La fuga - iniziata dagli archi - attraverso la quale Arlecchino si sottrae all'amoreggiamento e al litigio.
  4. Arlecchino, dalla sua sicura lontananza, fa sentire la sua voce in un deciso gesto di scherno per il mondo╗.

Erasmo Valente


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di Via della Conciliazione, 12 dicembre 1971

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietÓ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione pu˛ essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 1 novembre 2013
html validator  css validator


Questo testo Ŕ stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed Ŕ utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietÓ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione pu˛ essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.