Glossario



Sonatina in Diem Nativitatis Christi MCMXVII, KV 274

Musica: Ferruccio Busoni
Organico: pianoforte
Composizione: 22 dicembre 1917
Prima esecuzione: Zurigo, 24 gennaio 1920
Edizione: Breitkopf & Härtel, Lipsia, 1918
Dedica: Benvenuto Busoni

Guida all'ascolto (nota 1)

Come un'evocazione infinitamente delicata e tenera di un incantato clima festivo si configura la Sonatina in Diem Nativitatis Christi MCMXVII (la quarta Sonatina di Busoni in ordine cronologico). Il brano porta la dedica a Benvenuto, figlio primogenito di Ferruccio Busoni ed è datato 22 dicembre 1917. Come le precedenti Sonatine, anche questa non presenta soluzioni di continuità pur articolandosi in sezioni architettoniche distinte e chiaramente individuabili. La composizione esordisce con un Allegretto che presenta una limpida scrittura a tre parti dolcemente e delicatamente intrecciate secondo nessi modali che trascendono sistematicamente la stereotipata dicotomia maggiore-minore. Un passo in guisa di corale (Sostenuto alla breve, «armonioso sotto voce») porta ad un movimento centrale, Moderatamente vivace, dal carattere di una trasfigurata danza di zampognari. Una ripresa variata del corale e del motivo iniziale concludono il lavoro in un modo sempre più tranquillo e dolce. Alla fine Busoni richiede esplicitamente all'esecutore di suonare in modo «quasi trasfigurato».

Roman Vlad


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Sala Accademica di via dei Greci, 1 aprile 1975

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 8 febbraio 2014
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.