Glossario



Nur wer die Sehnsucht kennt, op. 6 n. 6

lied per voce e pianoforte

Musica:
Petr Ilic Cajkovskij
Testo: Lev Aleksandrovich Mey da J.W. von Goethe
Organico: mezzosoprano, pianoforte
Composizione: Mosca, 27 novembre - 29 dicembre 1869
Edizione: Jurgenson, Mosca, 1870
Dedica: Anna Aleksandrovna Khvostova

Guida all'ascolto (nota 1)

A proposito delle composizioni per voce e pianoforte di Ciaikowski, Rostislav Hofmann scrive che alcuni di questi «sono sublimi, altri invece meritano di essere dimenticati. Ad ogni modo fu il primo in Russia a comporre autentici lieder e a operare in quel campo, come negli altri, una sintesi fruttuosa degli apporti musicali e dello stile occidentale». Tra i lieder « sublimi » di Ciaikowski può a tutto diritto figurare l'op. 6 n. 6 su testo di Goethe. «Nur wer die Sehnsucht kennt» (secondo la versione in lingua tedesca) apre con una breve introduzione pianistica alla quale fa seguito, ripetendo il flessuoso disegno melodico della citata introduzione, la prima proposizione vocale. Alle parole «Seh' ich ans Firmament» compare una seconda proposizione che conduce (secondo lo schema consuetudinario del «da capo») alla ripresa del motivo iniziale, condotto, verso la fine, prima al culmine dell'intensità passionale, poi alla concentrata, distensione delle battute conclusive.

Irvin Knorr

Testo

NUR WER DIE SEHNSUCHT KENNT SOLO CHI CONOSCE LA NOSTALGIA
Nur wer die Sehnsucht kennt,
weiss, was ich leide!
Allein und abgetrennt
von aller Freude,
seh ich ans Firmament
nach jener Seite.
Ach! der mich liebt und kennt,
ist in der Weite.
Es schwindelt mir, es brennt
mein Eingeweide.
Nur wer die Sehnsucht kennt,
Weiss, was ich leide.
Solo chi conosce la nostalgia
sa quanto soffro!
Sola e distaccata
da ogni piacere
guardo il firmamento
da quella parte.
Ah, colui che mi ama e mi conosce
è lontano.
Mi gira il capo, mi ardono
le viscere.
Solo chi conosce la nostalgia
sa quanto soffro.

(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia;
Roma, Sala Accademica di via dei Greci, 19 novembre 1968

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 27 marzo 2014
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.