Glossario



Hymne et marche funebre

per la morte del generale Hoche

Musica:
Luigi Cherubini
Testo: J. Chénier
Organico: 3 voci, coro misto, orchestra
Composizione: 1797
Prima esecuzione: Parigi, 1 ottobre 1797 (funerale del generale Hoche)
Edizione: Magasin de Musique, Parigi, 1797

Ripreso nella Messa per Carlo X

Guida all'ascolto (nota 1)

L'Hymne funebre sur la mort du General Hoche di Luigi Cherubini venne eseguito nel corso dei solenni funerali di Stato per il generale Lazare Hoche tenutisi a Parigi nel 1797. Hoche, morto a soli 29 anni, doveva la sua enorme celebrità all'azione militare contro prussiani e austriaci del 1793 e al ruolo giocato in aiuto dei contro-Rivoluzionari nella regione della Vandée nel 1796. L'Introduzione orchestrale è lenta e solenne; la musica sembra volersi mettere in moto malvolentieri, in modo stentato. Lugubri rintocchi di percussione si alternano a frammenti melodici desolati (legni), dal carattere frammentario e quasi rassegnato. Introdotta dai rintocchi del timpano attacca poi la Marcia vera e propria, all'interno della quale appaiono anche alcuni elementi di sviluppo motivico. Le quattro sezioni che seguono questa magnifica introduzione si riferiscono ai quattro couplets dell'inno: nel primo couplet (Les jeunes filles), dopo un'intensa introduzione orchestrale, dominata da un motivo mesto e doloroso che cerca di elevarsi verso l'alto, fa la sua entrata il coro femminile che espone il motivo principale dell'inno, una melodia costruita sulle note dell'accordo di sol minore che presto si "apre" alla tonalità maggiore. Il secondo couplet (Les vieillards), introdotto da un cupo disegno orchestrale, vede l'ingresso dei tenori sopra la stessa melodia del primo couplet, ora "mossa" in orchestra da inquiete figurazioni di accompagnamento. Ancora una mesta pagina orchestrale precede il terzo couplet (Les guerriers), affidato ai contralti sullo stesso disegno melodico del precedente. Tutt'altro piglio presenta l'ultimo couplet (Choeur des guerriers), anch'esso introdotto dall'orchestra ma poi tutto giocato sulle entrate in imitazione delle varie sezioni del coro unito. Il ritmo incalzante dell'orchestra e il canto sempre teso e minaccioso del coro concludono questa bella pagina cherubiniana.

Alessandro De Bei

Testo

Hymne funebre sur la mort du General Hoche

Du haut de la voute éternelle,
Jeune héros regois nos pleurs!
Que notre douleur solennelle,
T'offre des hymnes et des fleurs.

Ah! Surton urne sépulcrale,
Gravons ta gioire et nos regrets!
Et que la palme triomphale
S'élève au sein de tes cypres!

Oui, tu seras notre modèle;
Tu n'as point terni tes lauriers.
Ta voix libre, ta voix fidèle
Est toujours présente aux guerriers.

Au champ d'honneur on vit ta gioire.
Ton ombre au milieu de nos rangs
Saura captiver la victoire
Et punir encor les tyrans.
Inno funebre sulla morte del Generale Hoche

Dall'alto della volta etema,
Giovane eroe raccogli i nostri pianti!
Che il nostro dolore solenne
Ti offra inni e fiori.

Ah! Sulla tua urna sepolcrale,
Scolpiamo la tua gloria e i nostri rimpianti!
E che la palma trionfale
S'innalzi fra i tuoi cipressi!

Sì, tu sarai il nostro modello;
Non hai affatto offuscato i tuoi allori,
La tua voce libera, la tua voce fedele
È sempre presente ai guerrieri.

Sul campo dell'onore si vide la tua gloria,
La tua ombra in mezzo ai nostri ranghi
Saprà accattivare la vittoria
E punire ancora i tiranni.


(1) Testo tratto dal libretto inserito nel CD allegato al numero speciale AMS 088-89 della rivista Amadeus

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento: 9 febbraio 2017
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito htpp://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.