Glossario



Impromptu in sol bemolle maggiore per pianoforte, op. 51

Musica: Fryderyk Chopin
Organico: pianoforte
Composizione: 1842
Prima esecuzione: Parigi, Sala Pleyel, 21 febbraio 1842
Edizione: Hofmeister, Lipsia, 1843
Dedica: contessa Eszterhàzy-Batthyàny

Guida all'ascolto (nota 1)

Chopin compose, nel periodo 1834-1842, quattro Impromptus (il quarto, postumo, è la Fantasia-Improvviso op. 66, risalente al 1834 e pubblicata nel 1855). Quello op. 51 è il terzo della serie, ed è dedicato alla contessa Esterhazy. Da alcuni è stato ritenuto come il più debole del ciclo. Non trovando in esso certe preziosità o certa «spontaneità» più consuete, questo Improvviso non fu prediletto dai «virtuosi». A Chopin si rimproverò ugualmente di aver scritto o di non aver scritto sempre la stessa musica.

L'Improvviso op. 51 ha - si direbbe - l'andamento di uno Studio, e svolge una frastagliata e tormentata linea di «terzine» assai poco inclini ad abbandoni melodici, sobriamente affioranti nel Sostenuto centrale. La ripresa del groviglio cromatico, sottilmente dipanato, porta il brano a una rintoccante, morbida conclusione.

Erasmo Valente


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia;
Roma, Auditorio di via della Conciliazione, 18 novembre 1969

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 19 febbraio 2014
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.