Glossario



Fanfare for the Common Man

per ottoni e percussioni

Musica:
Aaron Copland
Organico: 4 corni, 3 trombe, 3 tromboni, basso tuba, timpani, tam-tam, grancassa
Composizione: 1942
Prima esecuzione: Cincinnati, Music Hall, 12 marzo 1943
Edizione: Boosey & Hawkes, New York

Guida all'ascolto (nota 1)

Il 4 gennaio 1924, un trafiletto appare sul quotidiano Tribune di New York: «Un Comitato deciderà che cos'è la musica americana». Un breve testo spiega: «Tra i membri della giuria figurano Sergej Rachmaninov, Jascha Heifetz, Efrem Zimbalist, Alma Gluck... La questione di sapere che cosa esattamente sia la musica americana ha suscitato enorme interesse negli ambienti musicali e Mr. Paul Whiteman sta ricevendo ogni genere di spartiti, dal blues fino alle sinfonie...». Nel 1924 Mr. Paul Whiteman (1890-1967) non ha bisogno di ulteriori presentazioni per il pubblico americano: violinista, direttore, fondatore di un'orchestra così popolare che gli fece conquistare la qualifica di "Re del jazz" (e il film omonimo racconta di lui), intende far sposare il jazz e la tradizione sinfonica. Tra i suoi meriti, certo non ultimo figurerà la scoperta di Bing Crosby.

La notizia del Tribune finirà per riguardare, appena un mese dopo, uno dei brani presentati questa sera; ma, settant'anni più tardi, la questione non ha perduto di specificità.

Diverso, certo più compromesso, è il rapporto della "musica americana" con le altre forme di spettacolo, dalla danza al cinema, e il suo porsi come fenomeno industriale; più sottili sono i diaframmi che separano i vari linguaggi, i "colti", gli "extra-colti", i commerciali; più confusi i pubblici; altri i punti di riferimento storici e nazionali, altro il concetto di avanguardia. Diversi, anche, alcuni luoghi e modalità di esecuzione: basterà pensare alla Boston Symphony Hall, al repertorio dei concerti dei Boston Pops. Altra è la connotazione ideologica della musica e del suo consumo.

Quello che ci accingiamo ad ascoltare è, orgogliosamente, testardamente, utilmente, un concerto americano - coerente e senza eccezioni, Stravinsky compreso. Democraticamente americano, come suggerisce il brano d'apertura, breve e forte quale una dedica.

Fanfare for the Common Man, per ottoni e percussioni, nasce nel 1942, durante la Seconda Guerra Mondiale. Solenne e mesta trenodia in onore di quell'"uomo comune", quasi un milite ignoto, di fronte al quale l'artista si inchina. La precedente adesione di Aaron Copland agli ideali del new-deal rooseweltiano aiuta a comprendere il convincimento, in quegli anni spesso ribadito, di dover comunicare col suo pubblico e con il suo popolo. La rinuncia agli aspetti meno immediatamente persuasivi del proprio linguaggio sembra condizione irrinunciabile per raccontare, commemorare attraverso la musica gli eroi della nazione: i più illustri (Lincoln Portrait è dello stesso anno), quelli che hanno costruito il mito americano (Billy the Kid, del 1938), e gli anonimi, protagonisti anch'essi della storia e della conquista della dignità della nazione nuovissima.

Non è difficile riconoscere nei titoli del "periodo di mezzo" del maestro una semplificazione espressiva rispetto agli esordi, più spigolosi, o ai lavori successivi, certo più severi. Questa "Fanfara" si staglia con la potenza di una figura retorica, di un'orazione, scandita con cupa solennità; ma la retorica è l'arte della comunicazione. In alcune occasioni, un sigillo.


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di Via della Conciliazione, 22 aprile 1994

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 18 gennaio 2017
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.