Glossario



Piccolo concerto per Muriel Couvreux

per pianoforte e orchestra da camera

Musica:
Luigi Dallapiccola
  1. Pastorale, girotondo e ripresa - Andantino, un poco flessibile
  2. Cadenza, notturno e finale - Allegro, molto sostenuto
Organico: pianoforte, 2 flauti (2 anche ottavino), oboe, clarinetto piccolo, clarinetto, fagotto, 2 corni, tromba, timpani, 3 piatti, tam-tam, triangolo, triangolo piccolo, tamburo militare, grancassa, arpa, xilofono, archi
Composizione: 1939 - 1941
Prima esecuzione: Roma, Teatro delle Arti, 1 maggio 1941
Edizione: Carisch, Milano, 1941

Guida all'ascolto (nota 1)

Questa partitura, dedicata alla figlioletta settenne di un'amica parigina, Lucienne Couvreux, nasce nei primi anni della seconda guerra mondiale, tra il 1939 e il 1941. Nulla traspare, in questa musica, della tragicità di quei giorni: la scrittura, ancora diatonica, ha la serenità che si conviene ad una musica scritta per una bambina. L'essenzialità delle frasi, la freschezza e la chiarezza degli impasti strumentali, il semplice dialogare tra il solista e la piccola orchestra sono le caratteristiche emergenti di questo lavoro, che pur presenta una tecnica canonica estremamente complessa. La prima esecuzione ebbe luogo al Teatro delle Arti di Roma il 1 maggio 1941 sotto la direzione di Fernando Previtali, solista l'autore stesso.


(1) Testo tratto dal Repertorio di Musica Classica a cura di Pietro Santi, Giunti Gruppo Editoriale, Firenze, 2001

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 16 aprile 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.