Glossario



Berceuse heroique in omaggio a S. M. il re Alberto I del Belgio e ai suoi soldati

Versione per orchestra, L 140a

Musica: Claude Debussy
Organico: 2 flauti, 3 oboi, 3 clarinetti, 3 fagotti, 4 corni, 2 trombe, 3 tromboni, basso tuba, timpani, 2 arpe, archi
Composizione: Parigi, novembre 1914
Prima esecuzione: Parigi, Concerts Colonne, 26 ottobre 1915
Edizione: Durand, Parigi, 1915

Guida all'ascolto (nota 1)

Nel 1914, primo inverno di guerra, il re del Belgio Alberto I resiste ai tedeschi. Tra i doni meno utili, ma forse confortanti, riceve una panoplia di musiche di diversi compositori, tra cui questa bifronte operina di Claude Debussy, che nei mesi successivi realizza la trascrizione per orchestra dell'originale per pianoforte, destinata ad una qualche fortuna esecutiva. Debussy patriota, lui che detestava ogni retorica, ogni aspetto "pompier" del lavoro artistico? Un secondo, e ultimo, lavoro viene dedicato da Debussy a quegli anni di guerra, Noël des enfants qui n'ont plus de maìson.

Le opposte, eppure coesistenti, intenzioni del breve lavoro emergono sin dal titolo, che associa l'idea del riposo e del compianto alla volontà di resistenza. Nelle poche battute, si delinea un percorso che transita dal passo dolente dell'avvio, tenuto su sonorità velate, all'affermazione del doppio intervento, prima forte, poi più accennato, della tromba, che schiude la sezione centrale; dove un crescendo dell'intensità orchestrale conduce alla citazione dell'inno nazionale belga, la Brabanconne, e consente una semplice modulazione dal mi bemolle minore al do maggiore. Si afferma un breve passo marziale: condannati dal cortocircuito delle associazioni, attribuiamo immediatamente a Mahler e tromba e marcia. Ma la mano di Debussy ritorna subito lieve, di nuovo si dispiega il velo delle sonorità, la citazione si fa anch'essa eco, la tromba svanisce piano, la berceuse consola gli eroi. Nel pezzo di circostanza (ultima, in ordine cornologico, sua orchestrazione) riconosciamo allora la firma rara dell'autore.

Sandro Cappelletto


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di Via della Conciliazione, 7 febbario 1999

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 15 gennaio 2014







html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.