Glossario



La plus que lente, per pianoforte, L 128

Musica: Claude Debussy
Organico: pianoforte
Composizione: 1910
Prima esecuzione: Parigi, Cercle źLa Franšaise╗, 31 marzo 1911
Edizione: Durand, Parigi, 1910

Orchestrato da Debussy nel 1912

Guida all'ascolto 1 (nota 1)

Il valzer lento - valse lente - Ŕ comunissimo nella musica di consumo degli anni a cavallo tra i due secoli. Massenet aveva scritto nel 1901 un valzer per pianoforte lentissimo (Valse trŔs lente). Debussy scrive nel 1910 il valzer pi¨ che lento ("La plus que lente". Valse pour piano). Non sembra improbabile che Debussy avesse preso di mira non solo un genere, il valzer, ma un individuo preciso, la Valse-Caprice op. 33 di CÚcile Chaminade. Le intenzioni caricaturali di Debussy sono comunque evidenti, oltre che nel titolo, nella didascalia generale Lent (Molto rubato con morbidezza), e poi nella musica ansimante, esitante e sospirosa. Potrebbe persino darsi, visto l'uso spesso eccentrico dell'italiano in Debussy, che il con morbidezza fosse una traduzione approssimativa di avec morbiditÚ, e che quindi significasse con morbositÓ (il che sarebbe in carattere). L'ironia non esclude per˛, a parer nostro, l'immedesimazione affettiva, e la Plus que lente Ŕ un po' musica da caffŔ-concerto, un po' musica da cabaret, e un pochino, anche, musique des familles. La composizione Ŕ in forma di rond˛. Si nota facilmente che il terzo tema annuncia il mondo delle Valses nobles et sentimentales di Ravel, di un anno posteriori.

Piero Rattalino

Guida all'ascolto 2 (nota 2)

Con La plus que lente giungiamo al 1910, nella piena maturitÓ debussyana. Forse ispirata da una piccola scultura conservata sul caminetto della sua abitazione parigina, questa deliziosa pagina, con le sue movenze sornione, con la sua sinuosa linea melodica sostenuta da morbide e allusive armonie, rappresenta una geniale e irriverente rivisitazione del valzer lento.

Alessandro De Bei


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di Via della Conciliazione, 2 Dicembre 1992
(2) Testo tratto dal libretto inserito nel CD allegato al n. 266 della rivista Amadeus

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietÓ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione pu˛ essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 13 febbraio 2014
html validator  css validator


Questo testo Ŕ stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed Ŕ utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietÓ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione pu˛ essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.