Glossario


Rond˛ in sol minore per violoncello e orchestra, op. 94 (B. 181)

Musica: Antonin DvorÓk
Organico: violoncello solista, 2 oboi, 2 fagotti, timpani, archi
Composizione: New York, 16 - 22 ottobre 1893

Vedi al n. B.171 la versione per violoncello e pianoforte

Guida all'ascolto (nota 1)

Il Rondo in sol minore op. 94 venne scritto originariamente da Dvorak per violoncello e pianoforte e faceva parte del repertorio che il Trio Lachner-Wihan-DvorÓk port˛ in tournÚe nel 1892. La pagina, di gradevolissimo ascolto, Ŕ tripartita (A-B-A); la prima parte si apre col tema principale in sol minore esposto dal solista sul ritmico accompagnamento degli archi: Ŕ una melodia nostalgica dal forte sapore popolare che ricorda molto le Danze slave. A essa fa seguito il secondo tema in si bemolle maggiore, dolce e cullante, dal sapore di ninna nanna; prima viene esposto dal solista, poi viene ripreso dall'orchestra in re bemolle maggiore. Una breve transizione conduce alla ripresa del primo tema in sol minore ed alla conclusione della prima parte. La seconda parte (Pi¨ mosso. Allegro vivo), in sol maggiore, Ŕ una danza popolare, vera e propria esplosione di vitalitÓ ritmica e di slancio virtuosistico. La ripresa della prima parte Ŕ regolare: al tema principale in sol minore fa seguito il secondo tema, ora in sol maggiore. La coda elabora elementi del secondo tema (violoncello) e del tema principale (orchestra) e conclude il Rondo con un "pi¨ che pianissimo" in pizzicato.

Alessandro De Bei


(1) Testo tratto dal libretto inserito nel CD AM305 allegato alla rivista Amadeus

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietÓ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione pu˛ essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 20 gennaio 2017
html validator  css validator


Questo testo Ŕ stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed Ŕ utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietÓ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione pu˛ essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.