Glossario



Chanson de matin, op. 15 n. 2

Musica: Edward Elgar
Organico: violino, pianoforte
Composizione: marzo 1899
Edizione: Novello & Co., Londra, 1899

Guida all'ascolto (nota 1)

Edoardo Elgar - il caposcuola dei moderni compositori inglesi - fu figlio di un organista. Studiò il violino con Pollitzer, e fece parte per molti anni come violinista di una orchestra a Birmingham. Nel 1882 ebbe il posto di direttore della Società orchestrale di Worcester, nel 1885 successe a suo padre, come organista, nella chiesa di San Giorgio. Nel- 1889 per ragioni di salute dovette abbandonare ambedue i posti; e da allora in poi si è ritirato a vita solitaria, dedicandosi completamente alla composizione.

Le sue opere - vocali e strumentali, da camera e da concerto - raggiungono oggi il numero di circa 60. Le principali e più note fra esse sono: gli oratori Il Sogno di Geronzio, op. 38, e Lux Christi; le due sinfonie - la prima è stata diretta all'Augusteo da Tullio Serafin e la seconda da Bernardino Molinari -; le variazioni per orchestra.

Caratteri della musica di Elgar sono: impeccabile distinzione ed eleganza, tecnica contrappuntistica e strumentale nutrita ed elaborata, non disgiunta da melodiosità di sviluppi e da piacevole modernità.

La composizione che oggi si eseguisce è un lavoro tenue e di piccola mole, in cui si ritrovano però le qualità di gusto e di tecnica squisita, che non vengono mai meno in Elgar. Essa è appaiata con un altra, Chanson de nuit.


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia;
Roma, Augusteo, 13 febbraio 1916

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 10 ottobre 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.