Glossario



Nocturne n. 6 in re bemolle maggiore per pianoforte, op. 63

Musica: Gabriel Fauré Organico: pianoforte
Composizione: Parigi, 3 agosto 1894
Edizione: Hamelle, Parigi, 1894
Dedica: E. d'Eichtal

Guida all'ascolto (nota 1)

Il Notturno n. 6 op. 63 fu scritto nel 1894 e appartiene quindi al secondo momento creativo di Fauré nel quale il musicista è impegnato in altri problemi di natura strumentale; vi si nota un maggiore rigore costruttivo ed una concentrazionè che ci preparano ai lavori pianistici più importanti, tutti da collocare nel nuovo secolo. Nascono in questa fase delle pagine deliziose, come la suite Dolly per pianoforte a quattro mani o la Barcarola n. 5, entrambe del 1894, lo stesso anno del Notturno, che è fra i pezzi più ispirati dell'intera produzione di Fauré, di un soffuso romanticismo e insieme di una rara perfezione architettonica. Si articola in un Adagio introduttivo, con una morbida linea che esce da una sottile trama di terzine; di un Allegretto molto moderato in do diesis minore, molto raccolto, su un movimento sincopato, non privo di slanci appassionati; animato da un movimento continuo di semicrome è l'Allegro moderato che segue; nell'Allegro finale, diversificato internamente sotto l'aspetto agogico, il materiale tematico si snoda liberamente fino al recupero del movimento iniziale che sorreggerà tutta l'ultima pagina del Notturno.

Renato Chiesa


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Teatro Olimpico, 14 febbraio 1990

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 28 marzo 2013
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.