Glossario



Nocturne n. 7 in do diesis minore, op. 74

Musica: Gabriel Fauré Organico: pianoforte
Composizione: 1897
Edizione: Hamelle, Parigi, 1897
Dedica: A. Maddison

Guida all'ascolto (nota 1)

Sembra che per i francesi la musica sìa un'arte d'importazione. Il caso di Lulli diventato Lully è significativo. Una volta ricevuta la "materia prima", però, la trasformano talmente con la loro arte raffinatissima da buongustai, che essa diviene un'altra cosa, tutta francese. Pensiamo alla musicalità spagnola filtrata da Ravel o alla stupefacente metamorfosi che Wagner - il musicista, non il mitologo - subisce in Debussy. Miracoli di un gusto geniale.

Qualcosa di simile avviene in Fauré, proprio rispetto a Wagner; ma l'assimilazione s'è fermata a metà (era accaduto anche a Franck): sicché, frammisto a qualche elemento originale, di poco momento, l'elemento wagneriano fa sentire in questo Notturno la sua presenza, ma scaricata di quella sua forte tensione sensuale che la caratterizza. Non è con lo svirilizzarla che si supera la sensualità: e qui manca - com'era naturale, dato il clima storico - ogni altra forma di superamento. Resta, s'intende, una testimonianza di "buon gusto".

Nicola Costarelli


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Teatro Eliseo, 8 marzo 1948

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 6 ottobre 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.