Glossario



Petite symphonie per fiati, CG 560

Musica: Charles Gounod
  1. Adagio et Allegretto (si bemolle maggiore)
  2. Andante cantabile (mi bemolle maggiore)
  3. Scherzo: Allegro moderato (si bemolle maggiore)
  4. Finale: Allegretto (si bemolle maggiore)
Organico: 2 flauti, 2 oboi, 2 clarinetti, 2 corni, 2 fagotti
Composizione: 1885
Prima esecuzione: Parigi, Salle Pleyel, 30 aprile 1885
Edizione: Costallat, Parigi, 1904
Dedica: Société de Musique de Chambre pour Instruments à Vent

Guida all'ascolto (nota 1)

Musicista dalla vena melodica facile e carezzevole, Gounod è un artista che conosce le buone regole del comporre e le fa valere al momento opportuno, senza grandi slanci e travolgenti impennate drammatiche. Il nome di Gounod resta legato indissolubilmente al suo Faust e allo struggente duetto d'amore incapsulato in quest'opera dai risvolti amabilmente sentimentali, tanto apprezzati dal pubblico del suo tempo e poco amati dai musicisti contemporanei, specie da Verdi e da Wagner. Non poco della sopravvissuta popolarità gounodiana si deve alle romanze da camera, cesellate con squisita finezza vocalistica, e soprattutto alla famosa Ave Maria, variante di una Méditation sur le premier Prelude de Bach per violino, pianforte e organo (1852), ottenuta sovrapponendo una lunare melodia al primo preludio del bachiano Clavicembalo ben temperato. Allievo nel Conservatorio parigino di Reicha per l'armonia, di Halévy per il contrappunto e fuga e di Lesueur per la composizione, egli iniziò a Roma la sua carriera di musicista, vincendo all'unanimità nel 1839 il Prix de Rome e dedicandosi alla musica sacra secondo le tracce lasciate dai modelli palestriniani e da altri polifonisti di scuola romana. Tornato a Parigi nel 1841, dopo un breve viaggio in Austria e in Germania, Gounod ricoprì l'incarico di organista e di maestro di cappella e fu sul punto di indossare l'abito talare. Ma improvvisamente, dopo aver studiato a fondo le opere di Schumann e di Berlioz, abbandonò la musica religiosa e sinfonica per dedicarsi al teatro; soltanto più tardi tornerà a scrivere pezzi sacri, strumentali e vocali da camera, orchestrali, tra cui vanno annoverate le sinfonie in re e in mi bemolle, la Petite symphonie per fiati, composta nel 1885, la Messa di Santa Cecilia e gli oratori Gallia, Jesus sur le lac de Tìbériade, La Rédemption, Mors et vita.

Un primo gruppo di opere per il teatro vide la luce nel sesto decennio del secolo: Sapho, tre atti di E. Augier (Opéra 1851), la Nonne sanglante, cinque atti di Scribe e Delavigne (Opéra 1854), Le Médecin malgré lui, tre atti di Barbier e Carré da Molière (Lyrique 1858), Faust, cinque atti dì Barbier e Carré da Goethe (Lyrique 1859), Phlemon et Baucis, tre atti di Barbier e Carré (Lyrique 1860), La Colombe, due atti di Barbier e Carré da La Fontaine (Baden-Baden 1860). A questo gruppo di opere ne seguiranno altre, tra cui le più note sono: Mireille da Mistral (1864) e Roméo et Juliette da Shakespeare (1867), non aliena quest'ultima dalle influenze dell'operetta allora imperante con Offenbach.

La Petite symphonie per fiati è una piacevole e deliziosa composizione musicale e conferma lo stile essenzialmente melodico del soave artista parigino, perfettamente a suo agio nell'elaborare contrappuntisticamente i temi e svolgerli con quell'elegante gusto della strumentazione, mirante a porre in evidenza il profumo timbrico dell'invenzione armonica. L'Andante è il momento più sinceramente gounodiano e si inserisce adeguatamente tra schiarite allegre e scherzose di pungente effetto strumentale.


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di via della Conciliazione, 4 marzo 1983

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 12 marzo 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.