Glossario
Testo della cantata



Alla caccia (Diana cacciatrice), HWV 79

Cantata per soprano, coro, orchestra e basso continuo

Musica:
Georg Friedrich Händel
Testo: autore ignoto
  1. Marche (re maggiore)
    tromba, 2 violini e basso continuo
  2. Alla caccia
    Recitativo per soprano e basso continuo
  3. Foriera la tromba (re maggiore)
    Aria per soprano, tromba, 2 violini e basso continuo
  4. Alla caccia (re maggiore)
    Soprano, coro, tromba, 2 violini e basso continuo
  5. Di questa selva fra dubie vie Melampo (re maggiore)
    Coro, tromba, 2 violini e basso continuo
  6. Alla caccia
    Soprano, coro, tromba, 2 violini e basso continuo
Organico: soprano, coro femminile, tromba, 2 violini, basso continuo
Composizione: 1707
Edizione: Deutsche Händelgesellschaft, Lipsia, 1887

Guida all'ascolto (nota 1)

Un "Master" in Italia

L'Italia per molti secoli rappresentò una tappa indispensabile e privilegiata per la formazione dei musicisti. E se i primi "ospiti" del Bel Paese furono i compositori fiamminghi del Rinascimento (da Dufay a Josquin, da Arcadelt a Willaert, da De Rore a Orlando di Lasso) e poi nel primo Barocco personaggi del calibro di Heinrich Schutz e John Dowland, fu nel Settecento che tale pratica si affermò definitivamente, avallata da quell'autentica mania del Grand Tour (espressione che sembra aver fatto la sua prima comparsa sulla guida An Italian Voyage di Richard Lassels del 1697) che contagiò non solo i musicisti ma anche letterati, artisti e uomini di cultura.

Insomma l'Italia del XVII e XVIII secolo dettava legge in fatto di civiltà estetica e musicale e i resoconti dei viaggiatori del tempo (basti pensare alle Lettres familières écrites d'Italie di Charles de Brosses, ai Voyage en Italie di Montesquieu e Lalande, al volume An Account of Some of the Statues, Bas-Reliefs, Drawings, and Pictures in Italy del pittore Jonathan Richardson, fino al celebre e preziosissimo Viaggio musicale in Italia di Charles Burney) ne consacravano la fama in tutta Europa.

La ricchezza di generi musicali che vi si trovava era straordinaria: dai madrigali alle musiche popolari, dai concerti al melodramma, dalle cantate agli oratori; una specializzazione in Italia rappresentava insomma una grande e imperdibile occasione, paragonabile in un certo senso alla odierna frequentazione di un "master" alla Harvard University.

Tra le città più richieste vi erano Venezia, Firenze e Napoli, città capaci di attirare un gran numero di "allievi" da vari paesi europei, Germania sopra tutti: da Johann Gottlieb Graun a Georg Pisendel, da Johann Gottlieb Naumann a Joachim Quantz, dal "sassone" John Adolf Hasse ai boemi Jan Zelenka e Antonfn Benda. E poi naturalmente c'era Roma, capitale della classicità e della cristianità, mirabile ponte fra passato e futuro, dove fasti, magnificenze e personalità si combinavano in un ambiente dinamico e corroborante. Da qui passeranno Marc-Antoine Charpentier (allievo di Carissimi al Collegium Germanicum), Johann Jakob Froberger (che studiò con Frescobaldi e pur di seguire il suo maestro accettò di convertirsi alla fede cattolica), il liutista Johann Hieronymus Kapsberger (soprannominato "il tedesco della tiorba" attivo nella cerchia dei musicisti vicini alla corte papale di Urbano VIII) e il famoso Georg Muffat, arrivato fra il 1681-82 per perfezionarsi con "il Signor Bernardo famoso in tutto il mondo".

Oltre a Bernardo Pasquini - organista della Chiesa di Santa Maria Maggiore e considerato il più grande tastierista allora attivo in Italia - in quegli anni un altro grandissimo maestro "spopolava" in città: il virtuoso di violino Arcangelo Corelli, al servizio della regina Cristina di Svezia e conteso fra i potenti cardinali Pamphilj e Ottoboni. Le sue composizioni godevano di un fascino incredibile: lo stesso Muffat testimonia di aver sentito, "con sommo diletto e ammirazione", "alcune bellissime sonate... prodotte con grandissima puntualità" e accortosi che questo stile "abbondava di gran varietà di cose" si mise egli stesso a comporre alcuni di questi concerti, provati in casa dello stesso Corelli al quale si professò "debitore di molte utili osservazioni". Ma in Italia la musica, oltre all'altissima qualità tecnica e formale, godeva anche di un particolarissimo "valore aggiunto", quello della capacità di muovere i canali emotivi più profondi.

Nel 1702 l'abate francese Francois Raguenet (che aveva soggiornato per due anni a Roma) nel suo celebre pamphlet Parallèle des Italiens et des Francois en ce qui regardela musique et les opéras scrive "... Non si fa più nulla di bello in Francia dopo la morte di Lulli, così coloro che amano la musica si trovano senza divertimento e senza speranza; ma non hanno che da andare in Italia [...] gli italiani sono molto più vivaci dei francesi, sono molto più sensibili alle passioni e le esprimono anche in modo più vivo in tutte le sue produzioni,... tutto è così vivo, così penetrante, così pieno d'impeto, così sconvolgente che l'immaginazione, i sensi, l'anima e il corpo stesso sono trascinati in un unico slancio".

È giunto in questa città un sassone eccellente
Il ventiduenne Händel a Roma

"E giunto in questa città un Sassone eccellente suonatore di cembalo e compositore di musica, il quale oggi ha fatto gran pompa della sua virtù in sonare l'organo nella Chiesa di S. Giovanni con stupore di tutti", così annotava Francesco Valesio, sul suo Diario di Roma, il 14 gennaio 1707.

Händel aveva allora 22 anni ed era giunto in Italia l'anno prima - nell'agosto del 1706 - proveniente da Amburgo. E proprio in questa città - dopo l'incontro con Gian Gastone de' Medici, figlio del Granduca di Toscana - era maturata la decisione di tale viaggio, con l'obiettivo di approfondire la sua arte musicale direttamente "sul campo".

Dopo una prima tappa a Firenze, dove aveva potuto godere dell'ospitalità di Ferdinando de' Medici (fratello di Gian Gastone) mecenate illuminato oltre che reggitore del teatro costruito all'interno della sua villa di Pratolino, Händel decise di proseguire per Roma, ove potenti erano le parentele e le amicizie del principe, e molte erano le possibilità formative e professionali.

Ben presto gli accordarono i loro favori eminenti personaggi fra cui i cardinali Benedetto Pamphilj, Pietro Ottoboni (Vice-Cancelliere della Chiesa), Carlo Colonna, il Marchese Francesco Maria Ruspoli.

Il fatto che nella città eterna - in ottemperanza ad un editto promulgato da Papa Clemente XI nel 1703 - fossero proibiti gli spettacoli teatrali, costrinse il "sassone" a cimentarsi con altre forme compositive quali l'Oratorio, Inni e Mottetti sacri, e soprattutto le Cantate che rappresentavano una peculiarità tipicamente italiana. La datazione e la committenza dei lavori romani di Händel è tuttora oggetto di studio e negli ultimi decenni molte volte sono state corrette o ampliate le conoscenze relative a questo periodo.

La studiosa Ursula Kirkendale, in seguito ad ulteriori ricerche sui documenti di Casa Ruspoli custoditi presso l'Archivio segreto Vaticano, ha fornito qualche anno fa ulteriori informazioni che rimettono in discussione alcuni dati che sembravano ormai acquisiti. Fra questi vi è la data di arrivo di Handel a Roma che, usualmente collocata (anche in base alla testimonianza di Valesio) nel gennaio 1707, sarebbe da anticipare al dicembre 1706 in coincidenza con l'entrata in servizio del compositore presso il marchese Francesco Maria Ruspoli che divideva i suoi soggiorni fra Roma - a Palazzo Bonelli (edificato a partire dalla fine del Cinquecento su iniziativa del Cardinale Michele Bonelli e ora sede della Provincia) - e le ricche proprietà di Vignanello e Cerveteri (di cui fu fra l'altro, per volere del papa, verrà nominato principe nel 1709).

Il 23 febbraio (correggendo anche in questo caso la cronologia che la ascriveva ai mesi di maggio-giugno 1707) vede la luce la Cantata Diana cacciatrice (HWV79), commissionata dal marchese Ruspoli in concomitanza con l'apertura della caccia annuale del cervo organizzata nella sua tenuta di Cerveteri. Il riferimento alla celebre dea della caccia e della luna è naturalmente consono all'occasione anche per il radicamento che il suo culto godeva nella tradizione romana (nell'antichità un grande tempio a lei dedicato era sul colle dell'Aventino mentre il principale luogo di venerazione si trovava presso il lago di Nemi, sui colli Albani).

Purtroppo di questo lavoro ci sono pervenuti solo dei frammenti ricostruiti in vari tempi; delle 52 pagine documentate dal copista Angelini (nelle note di pagamento di casa Ruspoli) ne sono rimaste, negli autografi superstiti, solo poco più che una decina.

L'inequivocabile carattere della composizione è affidato ad una squillante Marche introduttiva con la tromba concertante naturalmente protagonista. Un breve Recitativo introduce la prima e unica Aria (col da capo) "Foriera la tromba" la cui linea vocale segue il sistema degli accordi spezzati dello strumento; la Cantata si chiude con un Coro finale ("Alla caccia") con soprano in eco, la cui ripresa è intervallata dal Recitativo "Tacete olà, tacete" e dall'Arietta "Di questa selva".

Laura Pietrantoni


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorium Parco della Musica, 12 ottobre 2007

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 28 giugno 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.