Glossario



Sinfonia n. 103 in mi bemolle maggiore "Mit dem Paukenwirbel" (col rullo di timpani), Hob:I:103

Sinfonia di Londra n. 8

Musica:
Franz Joseph Haydn
  1. Adagio (mi bemolle maggiore); Allegro con spirito
  2. Andante piu tosto Allegretto (do minore)
  3. Minuet (mi bemolle maggiore) e Trio
  4. Finale: Allegro con spirito (mi bemolle maggiore)
Organico: 2 flauti, 2 oboi, 2 clarinetti, 2 fagotti, 2 corni, 2 trombe, timpani, violino solista, archi
Composizione: Londra, 2 Marzo 1795
Prima esecuzione: Londra, King's Theatre, 2 Marzo 1795
Edizione: André, Offenbach, 1799

Guida all'ascolto (nota 1)

Composta nel 1795, la Sinfonia n. 103 in mi bemolle maggiore fu eseguita la prima volta il 2 marzo dello stesso anno al King's Theatre in Haymarket di Londra, nel quarto concerto della stagione dell'Opera Concerts. Presiedeva all'esecuzione Haydn in persona, seduto al clavicembalo o al pianoforte secondo la vecchia consuetudine, ormai meramente cerimoniale, del basso continuo. È la penultima delle sinfonie "londinesi", detta "col rullo di timpani" perché un sommesso e solitario mi bemolle rullato dei timpani, di durata indeterminata, cioè con corona, si fa sentire all'inizio e verso la fine del primo tempo. Il grave disegno, legato lentamente e pianamente snodato dai soli bassi (fagotti, violoncelli, contrabbassi), subito dopo il rullo sostanzia parte dell'elemento tematico dell'Allegro con spirito seguente, dove si individuano comunque un agile tema principale in 6/8 e un leggero tema secondario come di valzer. Poco prima della conclusione del movimento, l'Adagio della introduzione interrompe brevemente l'Allegro con spirito, per far ascoltare di nuovo il rullo di timpani e il meditativo disegno dei bassi, e lasciar quindi riprendere il tempo veloce in una stringata coda. L'Andante adotta la forma del tema con variazioni, ma Haydn l'applica ingegnosamente a due temi distinti, ancorché molto somiglianti, entrambi di estrazione popolare (probabilmente croati), l'uno esposto piano dai violini, in do minore, l'altro enunciato forte dagli oboi e dai violini, in do maggiore; cosi maggiore e minore si alternano, entro le tante sorprese che il brano riserva, fra cui quella di una variazione dedicata al violino solo, e quella di una coda ricca di immaginativa e di armoniche prelibatezze. Il Minuetto contrappone ancora una volta il vigore della prima parte alla leggerezza del Trio. E il turbinoso Allegro con spirito gioca su due temi, quasi nei modi non rigorosi di una doppia fuga (l'uno esposto subito dai soli corni e identificato nella loro tipica fanfara, l'altro immediatamente subentrante) dei violini primi, che costituirà lungo tutto il finale e per tutta l'orchestra l'elemento ostinato e irresistibile.


(1) Testo tratto dal Repertorio di Musica Classica a cura di Pietro Santi, Giunti Gruppo Editoriale, Firenze, 2001

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 18 maggio 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.