Glossario



Sinfonia n. 93 in re maggiore, Hob:I:93

Sinfonia di Londra n. 1

Musica:
Franz Joseph Haydn
  1. Adagio (re maggiore); Allegro assai
  2. Largo cantabile (sol maggiore)
  3. Minuetto (re maggiore) e Trio
  4. Finale: Presto ma non troppo (re maggiore)
Organico: 2 flauti, 2 oboi, 2 fagotti, 2 corni, 2 trombe, timpani, archi
Composizione: Londra, 17 Febbraio 1791
Prima escuzione: Londra, Hanover Square Rooms, 17 Febbraio 1792
Edizione: André, Offenbach, 1796

Guida all'ascolto (nota 1)

La Sinfonia n. 93 in re maggiore, la prima delle sinfonie "londinesi", fu composta probabilmente nella tarda primavera del 1791 nella capitale britannica ed ivi eseguita, il 17 febbraio del 1792, nel concerto inaugurale della stagione organizzata da Johann Peter Salomon per sottoscrizione. Dirigeva la sua orchestra lo stesso Salomon, e l'esito fu entusiastico.

L'Adagio introduttivo, dopo due re con corone scanditi fortissimo da tutta l'orchestra, espone, in modo meditativo, un tema da cui vedremo derivare la seconda idea nell'Allegro assai successivo, dove, eccezionalmente, essa verrà ad assumere un ruolo tutt'altro che secondario, influenzando l'intero sviluppo centrale.

Il tema in sol maggiore del gruppo di libere variazioni che costituiscono il Largo cantabile è enunciato piano per otto battute dai soli archi, ai quali si aggiunge il fagotto per altre otto battute; poi l'intera orchestra esplode forte, mutando subitaneamente in sol minore. Riprende il tema in sol maggiore, via via svolgendo altre variazioni e altre modulazioni che conferiscono al movimento un'apparente seriosità, umoristicamente contraddetta verso la fine, quando, in un tessuto pianissimo estremamente diradato, i fagotti da soli fanno intendere fortissimo il loro do più profondo. Il Minuetto, in questa prima sinfonia di Londra, mostra di tendere a staccarsi sia dal Ländler di un tempo, sia dalla danza galante delle sinfonie "parigine", e di avvicinarsi allo Scherzo di prossima concezione. Infine il Presto ma non troppo è la divertita, scorrevole conclusione della Sinfonia, risultante dalla fusione, tipicamente haydniana, della forma del rondò con quella della sonata.


(1) Testo tratto dal Repertorio di Musica Classica a cura di Pietro Santi, Giunti Gruppo Editoriale, Firenze, 2001

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 18 maggio 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.