Glossario



A Symphony: New England Holidays

Raccolta di pezzi per orchestra

Musica:
Charles Ives
  1. Washington's Birthday - Very slowly. Allegro. Andante
    Composizione: 1909 - 1913 circa
    Prima esecuzione: San Francisco, Community Playhouse, 3 settembre 1931
    Edizione: New Music Editions, San Francisco, 1936
  2. Decoration Day - Very slowly. Allegro
    Composizione: 1912 - 1913 circa
    Prima esecuzione: Havana, Teatro Nacional, 27 dicembre 1931
    Edizione: Peer International, New York, 1962
  3. The Fourth of July - Adagio molto. Allegro con spirito
    Composizione: 1911 - 1913 circa
    Prima esecuzione: Parigi, Salle Pleyel, 21 febbraio 1932
    Edizione: Edition Adler, Berlino, 1932
  4. Thanksgiving and Forefathers' Day - Adagio maestoso. Adagio cantabile. Maestoso
    Composizione: 1904 circa
    Prima esecuzione: Minneapolis, Northrop Memorial Auditorium, 9 aprile 1954
    Edizione: Peer International, New York, 1971
Organico: ottavino, 2 flauti, 2 oboi, corno inglese, 2 clarinetti, 2 fagotti, controfagotto, 4 corni, 4 trombe, 3 tromboni, basso tuba, timpani, tambuto, grancassa, piatti, xilofono, glockenspiel, campane chitarra, celesta, pianoforte, arpa, archi
Composizione: 1917 - 1919
Prima esecuzione: Minneapolis, Northrop Memorial Auditorium, 9 aprile 1954
Edizione: vedi dettagli

Guida all'ascolto (nota 1)

La New England Holidays Symphony, i cui movimenti furono composti tra il 1904 e il 1913, come specifica un sottotitolo dello stesso Ives, è una «reminiscenza delle festività di un ragazzo in una cittadina rurale del Connecticut».

Nei primi tre movimenti le reminiscenze ivesiane si concatenano secondo un identico schema: un'atmosfera fortemente evocativa, creata dal suono di campane in lontananza e dagli archi insistentemente tenuti sui registri acuti, suggerisce il ricordo di un passato ineluttabilmente perduto, mentre a poco a poco la patina che il tempo ha depositato sulle immagini del passato si cancella, il ricordo diventa più nitido, più chiaro, fino a che, con uno scatto improvviso, una scena infantile ritorna alla memoria minutamente circostanziata nei particolari. In Washington's Birthday il suono dello scacciapensieri e i motivi di gighe e di quadriglie rievocano le feste campestri del New England e si sovrappongono creando contrasti ritmici e tonali; in Decoration Day l'incontro delle due bande che eseguono musiche diverse crea eccitanti sovrapposizioni ritmiche; in Fourth of July si svolge infine un parossistico carosello delle più famose canzoni patriottiche statunitensi, in sintonia con la più importante delle festività nazionali. L'ultimo movimento, che è l'adattamento orchestrale di un Prelude e un Postlude organistici composti verso la fine del secolo scorso, rievoca, con il suo contrappuntismo politonale, la severa religiosità puritana concludendosi con l'immagine di un coro che intona l'inno della chiesa protestante americana: il Thanksgiving and/or Forefathers' Day che presta il titolo al movimento. Movimenti della Holidays Symphony erano già stati eseguiti singolarmente negli anni Trenta, ma l'intera sinfonia fu presentata solamente nel 1954 (l'anno della morte di Ives) sotto la direzione di Antal Dorati a Minneapolis.


(1) Testo tratto dal Repertorio di Musica Classica a cura di Pietro Santi, Giunti Gruppo Editoriale, Firenze, 2001

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 20 maggio 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.