Glossario



Což ta naše břza (La nostra argentea betulla), IV/22

per coro maschile a cappella

Musica:
Les Janček
Testo: Eliška Krsnohorsk
Organico: coro maschile senza accompagnamento
Composizione: 1893
Prima esecuzione: Brno, Svatopluk, 21 maggio 1893
Edizione: in Pamtnk Svatopluka, Brno, 1893

Testo (nota 1)

LA NOSTRA ARGENTEA BETULLA

Perch la nostra argentea betulla nel cortile
si inclina cos tristemente verso la mia finestra?
Anche quando l'aria ferma, l'acqua calma, la betulla trema e sospira;

perch il mio cuore cos turbato? Teme che il nostro amore deperisca?
Non mi d pace, n di notte n di giorno,
cerca d'esser sereno, ma non ci riesce.

Sulla nostra argentea betulla sotto la finestra
le foglie in primavera pendono da fragili steli;
sussurrano ansiosamente, tremano di paura,
che il pur lieve soffio di vento possa farle cadere.

Nello stesso modo, attaccato al filo pi sottile,
un cuore trepida d'amore,
fa che le foglie non cadano per il vento,
anche un soffio d'aria, a tradimento, potrebbe farle volar via.


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di via della Conciliazione, 23 maggio 1986

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di propriet delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione pu essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 5 febbraio 2016
html validator  css validator


Questo testo stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di propriet delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione pu essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.