Glossario



Preludio e morte di Macbeth

Rappresentazione da concerto per baritono e orchestra

Musica:
Gian Francesco Malipiero
Testo: proprio da Shakespeare
Organico: baritono, 2 flauti, 3 oboi, 2 clarinetti, 2 fagotti, 4 corni, 2 trombe, 3 tromboni, basso tuba, percussioni, celesta, pianoforte, arpa, archi
Composizione: Asolo, 24 agosto 1958
Prima esecuzione: Milano, giugno 1960

Guida all'ascolto (nota 1)

Ad alcune sue recenti composizioni Gian Francesco Malipiero ha dato il nome di «rappresentazioni da concerto»: tra queste, figura il Preludio e morte di Macbeth, eseguito per la prima volta al Festival di Berlino nell'ottobre 1959. Scrive lo stesso Malipiero: «Il Preludio e morte di Macbeth è la seconda delle quattro rappresentazioni da concerto. La prima, Magister Josephus, è l'origine di una velleità teatrale infiltratasi nel più puro sinfonismo; mi sembrò di vedere Magister Josephus, seduto davanti a un tavolo, discutere coi discepoli; così la voce di Macbeth, che esce dall'orchestra a conclusione del suo dramma, corrisponde ad una visione squisitamente scespiriana. Shakespeare voleva che la scena si immaginasse lasciando alla fantasia il compito di soddisfare il più esigente dei sensi: la vista. La voce di Macbeth interviene quando l'orchestra rifiuta di trasformarsi in musica a programma. Cosi avviene nelle altre due rappresentazioni da concerto, nell'Asino d'oro (da Apuleio) e nel Concerto di concerti, ovvero dell'uom malcontento».

Il Preludio, nel quale ha una parte di rilievo il corno inglese, inizia lentamente e si anima in seguito, pervenendo, dopo una ripresa del Lento, ad una parte culminante in tempo mosso ie in forte; a questo punto gli ottoni introducono la voce del baritono che declama il testo scespiriano.

Alberto Pironti

Testo
Chi è là?
Ho udito stridere il gufo, gemere il grillo.
Oh, vista dolorosa!
Uno rideva in sogno, l'altro gridava: assassinio!
Essi recitavano le loro preghiere.
Dio ci aiuti, urlava il primo, e l'altro: Amen.
lo non potei dir Amen.
Avea bisogno d'una benedizione, l'Amen mi s'arrestò nella gola.

Una voce gridò: non più sonno.
Macbelh l'ha ucciso, il sonno,
Macbeth non dormirà più.

Macbeth non piegherà la testa finche tutta la foresta non muova verso lui in Dunsinane.
La regina è morta. Avrebbe dovuto morire più tardi in tempo propizio a questo annunzio.
Domani e poi domani, e poi domani ancora, così il tempo si trascina di giorno in giorno, e ogni tramonto ha illuminato la via che conduce alla polvere della morte.
Ti spegni, ti spegni, piccola fiaccola.
La vita non è che un'ombra che passa.
Non temere, finché da Birman tutta la foresta non muova verso me in Dunsinane. .

Il bosco di Birman si muove, avanza.

Sono ormai stanco del sole. Sonate a stormo! Soffiate, avanti; vieni, o distruzione!


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia.
Roma, Auditorio di via della Conciliazione, 10 gennaio 1962

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 11 novembre 2013
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.