Glossario



Sinfonia n. 1 in re minore, op. 75

Musica: Giuseppe Martucci
  1. Allegro
  2. Andante
  3. Allegretto
  4. Mosso. Allegro risoluto
Organico: ottavino, 2 flauti, 2 oboi, 2 clarinetti, 2 fagotti, controfagotto, 4 corni, 2 trombe, 3 tromboni, basso tuba, timpani, archi
Composizione: Bologna, 1 gennaio 1889 - Castiglione dei Pepoli, luglio 1895
Prima esecuzione: Milano, 28 novembre 1895
Edizione: Friedrich Carl Kistner, Lipsia, 1896
Dedica: mia diletta Maria

Trascritta per pianoforte a quattro mani nel 1896

Guida all'ascolto (nota 1)

La Sinfonia in re minore op. 75 (Allegro - Andante - Allegretto - Finale) è la prima delle due lasciateci da Martucci. Essa fu iniziata nel 1888 - tre anni dopo il Concerto per pianoforte - e compiuta nel 1895. I due lavori - quello concertistico e il sinfonico - hanno in comune il generale carattere drammatico: ma la Sinfonia è il frutto di una personalità interiormente e culturalmente più evoluta, sicché essa rappresenta - con l'altra op. 81 - il culmine dell'attività del Martucci compositore. Pervasa da un soffio tragico, l'opera possiede una tematica nobile e severa, un'armonia ricca e, per l'epoca, moderna, un'orchestrazione sapiente e un'architettura che fonde le classiche forme con lo spirito nuovo. Il primo tempo sviluppa ampiamente il contrasto fra un tema drammatico, volitivo e forte, e un motivo melodico ed appassionato. Alla drammaticità del primo tempo si oppone il lirismo del secondo, basato su una lunga melodia cantata dal violoncello. L'originale Allegretto è d'una giocondità tutta martucciana. Una giocondità - citiamo il Fano - «dove non manca una vena di malinconia, ma più tenue che in altri casi: che l'artista sembra qui bearsi nell'armonia formale dei disegni e anche di colorirli di un tenue umorismo». Per la sua ampiezza architettonica, il Finale è il corrispondente simmetrico del primo movimento. Inizia con una introduzione dall'andamento moderato nella quale sono rievocati i temi del primo tempo. Segue un Allegro risoluto in re maggiore, giocoso e trionfale ad un tempo, dove il ritorno di certi accenti drammatici dell'inizio della Sinfonia è temperato da scherzosi episodi. «Un bel Finale - scrive sempre Fano - di un'opera cui compete nell'insieme un posto di primo ordine nella musica sinfonica d'ogni tempo e d'ogni paese».

Nicola Costarelli


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di via della Conciliazione, 9 dicembre 1962

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 15 gennaio 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.