Glossario



Frühlingslied (Canzone di primavera), op. 71 n. 2 (MWV K119)

Lied in la maggiore per voce e pianoforte

Musica:
Felix Mendelssohn-Bartholdy
Testo: Karl Klingemann
Organico: voce, pianoforte
Composizione: Lipsia, 3 aprile 1845
Edizione: Breitkopf & Härtel, Lipsia, 1847

Testo (nota 1)

Frühlingslied
 
Der Frühling naht mit Brausen, er rüstet sich zur
[That,
und unter Sturm und Sausen keimt still die grüne
[Saat;
Drum wach', erwach', du Menschenkind,
dass dich der Lenz nicht schlafend find'!

Dir armen Menschenkinde ist wund und weh um's
[Herz,
auf, speng' getrost die Rinde, schau' muthig
[frühlingswärts!
Es schmilzt das Eis, die Quelle rinnt,
dir thaut der Schmerz und löst sich lind.
Und wie die Vöglein leise anstimmen ihren Chor,
so schall' auch deine Weise aus tiefster Brust hervor:
Bist nicht verarmt, bist nicht allein,
umringt von Sang und Sonnenschein!
Canzone di primavera

Si appressan mormorii di primavera che all'azione si
[appresta,
e sotto il sibilar della tempesta germoglia silenzioso il
[verde seme;
orsù, figlio di Dio, sveglia, svegliati,
non ti trovi a dormir la primavera!

Ha il cuore afflitto, povera creatura,
spezza la dura scorza, guarda alla primavera con
[coraggio!
Si fonde il ghiaccio, zampilla la fonte,
si stempera il dolor, mite si scioglie.
E come intonan lievi il loro coro
gli uccelli, sgorghi il canto dal tuo seno:
Non v'è in te povertà, tu non sei solo,
circondato di canti e calda luce!
(Traduzione di M. Giani)


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto del Maggio Musicale Fiorentino,
Firenze, Teatro della Pergola, 10 giugno 1988

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 11 giugno 2016

html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.