Mendelssohn - Lied ohne Worte per violoncello

Lied ohne Worte in re maggiore (Lied senza parole) per violoncello e pianoforte, op. 109 (MWV Q34)


Musica: Felix Mendelssohn-Bartholdy (1809 - 1847)
Organico: violoncello, pianoforte
Composizione: Ottobre 1845
Edizione: B. Senff, Lipsia, 1868
Dedica: alla signorina Lisa Cristiani
Guida all'ascolto (nota 1)

Il Lied ohne Worte in re maggiore op. 109, pubblicato postumo, venne composto da Mendelssohn nel 1845. Il violoncello gioca qui un ruolo preponderante votandosi a un canto sentimentale, vagamente malinconico, ma sempre vibrante e appassionato. La struttura della romanza è tripartita (ABA). La prima parte presenta il tema principale, delicato e sognante, esposto dal solista sopra un regolare e "cullante" accompagnamento del pianoforte. Nella seconda parte, in tonalità minore, il discorso si fa agitato: il canto del violoncello è più intenso e appassionato, l'accompagnamento del pianoforte si anima attraverso veloci arpeggi. La terza parte è una ripresa abbreviata della prima seguita da una breve coda conclusiva.

Alessandro De Bei


(1) Testo tratto dal libretto inserito nel CD allegato al n. 228 della rivista Amadeus


I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.


Ultimo aggiornamento 26 marzo 2015