Glossario



Aubade, op. 387

Musica: Darius Milhaud
  1. Vif
  2. Nonchalant
  3. Vif
Organico: 2 flauti, 2 oboi, 2 clarinetti, 2 fagotti, 2 corni, 2 trombe, 2 tromboni, timpani, percussioni, arpa, archi
Composizione: Oakland, Mills College, 5 - 10 ottobre 1960
Prima esecuzione: Oakland, Mills College, 14 marzo 1961
Edizione: Heugel & Cie., Parigi

Guida all'ascolto (nota 1)

Composta a Mills nel 1960 per commissione dell'Orchestre Symphonique d'Oakland (California). Si tratta di una composizione di un certo respiro. Il tema iniziale del primo Vivo sorge da alcune quartine dei violini e da pizzicati delle viole e dei violoncelli, un tema che si ripresenterà via via suddiviso, interessando anche gli strumenti a fiato. Il movimento sosta per riprendere poi quasi subito, e con maggiore impegno, con l'impiego di flauti, oboi, clarinetti e fagotti. La vitalità del tema iniziale è dunque sempre presente, a volte rafforzata anche dalla batteria, fino a che tutto si va semplificando col penetrare nelle sonorità più lievi e concludendo con un accordo con sordine ai fiati e con un pizzicato negli archi.

Il secondo tempo, Svogliato, trova collegati flauti e violino solista, ma presto allo strumento a fiato si sostituiscono i corni. Il tema è semplice, ispirato nel suo quieto andamento in 6/8. Quindi i violini cantano tutti insieme con gli altri archi e le trombe, con interventi dei corni e dei clarinetti, raggiungono il registro acuto. Poi le sonorità diminuiscono di intensità fino a far usare la sordina agli archi. Ecco alcune volute dell'oboe, dei flauti, anche delle viole; dopo un rullio in pianissimo dei timpani e una riapparizione del violino solo, il tempo si spegne su sonorità estremamente deboli.

Terzo tempo: altro Vivo; un accordo brusco degli archi e della percussione e via un tema brillante che apparirà negli strumentini sempre marcato da accordi degli archi, fino a che restano accoppiati flauti e fagotti. Quindi una nuova idea tematica che si svolge con una certa ampiezza e con interventi vari, sempre brillante e sempre viva, con glissati di arpe e brevi apparizioni della percussione. Gli strumentini si divertono nello svolgimento, alimentati anche dal frequente mutare della battuta. Le varie idee tornano e si fondono una con l'altra: interessanti un passaggio cromatico degli archi, un'apparizione dei corni, alcune volute del flauto fino a che gli archi riprendono il sopravvento. Alcuni scambi di idee tra archi e fiati riconducono al clima iniziale e tutto termina brillantemente e nelle sonorità più forti, su un accordo a cui prende parte tutta l'orchestra.

Mario Rinaldi


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia.
Roma, Auditorio di via della Conciliazione, 26 gennaio 1966

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 25 maggio 2017
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.