Glossario



Chiome d'oro, SV 143

Canzonetta a due voci, concertata da due violini, chitarrone o spinetta

Musica:
Claudio Monteverdi
Testo: autore ignoto
Organico: 2 soprani, 2 violini, chitarrone o spinetta
Edizione: in Il Settimo Libro de Madrigali, Bartolomeo Magni, Venezia, 1619
Dedica: Caterina de’ Medici, duchessa di Mantova e Monferrato

Testo (nota 1)

Chiome d'oro bel tesoro
Tu mi leghi in mille modi
Se t'annodi se ti snodi.
Candidette perle elette
Se le rose che coprite
Discoprite, mi ferite.
Vive stelle, che si belle
E si vaghe rispendete
Se ridete m'ancidete.
Preziose, amorose,
Coralline labbra amate
Se parlate mi beate.
O bel nodo per cui godo,
O soave uscir di vita,
O gradita mia ferita!

(Settimo Libro de Madrigali)


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia,
Roma, Sala Accademica di via dei Grci, 10 marzo 1967

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 18 dicembre 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.