Glossario



È questa vita un lampo, SV 254

a cinque voci

Musica:
Claudio Monteverdi
Testo: Angelo Grillo
Organico: 2 soprani, contralto, tenore, basso, basso continuo
Edizione: Bartolomeo Magni, Venezia, 1640 in Selva Morale e Spirituale
Dedica:  imperatrice Eleonora Gonzaga

Guida all'ascolto (nota 1)

Un gruppo di cinque madrigali spirituali, su testo genericamente morale ma non liturgico, è posto da Monteverdi in apertura della Selva morale, con la funzione di un proemio. Sono composizioni nello stile moderno più avanzato, che prediligono la declamazione rapida, la sillabazione su note ripetute caratteristica dello stile madrigalistico profano, piuttosto che il classico andamento polifonico in valori distesi.

Nel madrigale È questa vita un lampo, su testo di Angelo Grillo, l'alternanza della scrittura (accordale o imitativa) e dei pesi sonori è ancora più rapida: avviene all'interno del singolo verso, quando non addirittura tra parola e parola. Questa tecnica è perfettamente funzionale al concetto espresso dal testo poetico, che tratta la fugacità delle cose terrene.

Claudio Toscani

Testo

E' questa vita un lampo
ch'all'apparir dispare
in questo mortal campo:
che, se miro, il passato
è già morto, il futuro ancor non nato,
il presente sparito
non ben anco apparito.
Ahi lampo fuggitivo! e sì m'alletta,
e dopo il lampo pur vien la saetta!

(1) Testo tratto dal libretto inserito nel CD allegato al numero speciale AMS 009-10 della rivista Amadeus

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 12 febbraio 2017
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.