Glossario



6 Fughe a tre voci per trii d'archi, K6 404a

Musica: Wolfgang Amadeus Mozart
  1. re maggiore - Adagio (Fuga da BWV 853 di Johann Sebastian Bach)
  2. sol maggiore - Adagio - (Fuga da BWV 883 di Johann Sebastian Bach)
  3. fa maggiore - Adagio - (Fuga da BWV 882 di Johann Sebastian Bach)
  4. fa maggiore; re minore - Adagio - (Adagio da BWV 527 e da BWV 1080 n. 8 di Johann Sebastian Bach)
  5. mi bemolle maggiore - Largo - (Largo ed Allegro da BWV 526 di Johann Sebastian Bach)
  6. fa maggiore - Adagio - (Fuga di Wilhelm Friedeman Bach (F 31/8))
Organico: violino, viola, basso
Composizione: luglio 1782
Edizione: Breitkopf & Härtel, Lipsia 1938

Guida all'ascolto (nota 1)

L'Adagio e fuga in re minore per trio d'archi K. 404a è una delle poche trascrizioni composte nel 1782 da Mozart a Vienna da brani di Johann Sebastian Bach. Per essere più precisi, il lavoro è formato da 6 fughe a tre voci, precedute da 6 adagi, 4 di Mozart e 2 di Bach, trascritte per violino, viola e violoncello. Le fughe sono ben 5 di Bach, di cui 3 dal Clavicembalo ben temperato (N. 8, parte I, n. 13 e n. 14, parte II; una dalla Sonata per organo n. 2 e una dall'Arte della fuga, Contrapunctus 8) ,e una di Wilhelm Friedmann Bach. È una composizione in cui una volta tanto Mozart si diverte ad elaborare temi altrui in una tessitura armonica e strumentale di elegante fattura, secondo un classicismo di equilibrata fusione tra le parti.


(1) Testo tratto dal progrmma di sala del Concerto dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di via della Conciliazione, 25 novembre 1983

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 28 maggio 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.