Mozart - Adagio e Rondò, K 617

Adagio e Rondò per Glasharmonika, K 617


Musica: Wolfgang Amadeus Mozart (1756 - 1791)
  1. Adagio (do minore)
  2. Rondò. Allegretto (do maggiore)
Organico: glassharmonica, flauto, oboe, viola, violoncello
Composizione: Vienna, 23 maggio 1791
Prima esecuzione: Vienna, Kärntnertor Theater, 19 agosto 1791
Edizione: Breitkopf & Härtel, Lipsia 1791

Scritto per Marianne Kirchgässner
Guida all'ascolto (nota 1)

Questo pezzo è originariamente scritto per armonica, flauto, oboe, viola e violoncello.

L'armonica, chiamata oggi tautologicamente «armonica di vetro» («Glasharmonika») per non confonderla con un più moderno strumento popolare, fu uno degli strumenti favoriti dal pubblico del Settecento. L'armonica è costituita da una ventina di coppe di cristallo di vario diametro e spessore, infilate ad un asse rotante in una cassa di risonanza di legno. Malgrado la limitatezza della gamma sonora (che non supera il sol medio), l'esecutore, premendo con le dita umide sul bordo dei cristalli in rotazione, riesce a trarre dallo strumento un suono dolce e cupo, di particolare fascino, che ispirò addirittura una «cantata» al nostro Metastasio.

Per Marianna Kirchgassner, celebre virtuosa cieca dello strumento, Mozart scrisse a Vienna nel 1791 un Adagio solistico in do maggiore (Köchel 356; Einsteiu 617a) e un Adagio e Rondò in do minore (Köchel e Einstein 617) per un complesso di strumenti che all'armonica unisce un flauto, un oboe, una viola e un violoncello. Einstein definisce questo Adagio e Rondò «una delle opere divine» di Mozart, la «controparte strumentale dell'Ave verum», «di una bellezza ultraterrena nell'introduzione (in minore) e nel rondò (in maggiore)».

Carlo Marinelli


(1) Testo tratto dal progrmma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Sala Accademica di via dei Greci, 23 marzo 1962


I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.


Ultimo aggiornamento 17 aprile 2013