Glossario



Bella mia fiamma... Resta o cara

Recitativo ed aria per soprano ed orchestra, K 528

Musica: Wolfgang Amadeus Mozart
Testo: Michele Sarcone
  1. Bella mia fiamma, addio - recitativo - Andante (mi minore)
  2. Resta, o cara - aria - Andante (do maggiore). Allegro
Organico: soprano, flauto, 2 oboi, 2 fagotti, 2 corni, archi
Composizione: Praga, 3 novembre 1787
Edizione: Breitkopf & Härtel, Lipsia 1805

Il testo è stato attinto dall'opera "Cerere placata" di Niccolo Jommelli

Guida all'ascolto (nota 1)

L'aria «Bella mia fiamma» K. 528 fu composta da Mozart il 3 novembre 1787 a Praga per la cantante Duschek, alla quale l'artista era riconoscente per averlo ospitato nella sua villa durante la preparazione e la rappresentazione del Don Giovanni. Non per nulla il brano risente di alcune reminiscenze di quest'opera, anche se possiede una sua linea espressiva autonoma. Il recitativo iniziale è un Andante in mi minore affidato agli archi. Subentra poi l'aria Bella mia fiamma, addio! accompagnata dal flauto, dagli oboi, dai contrabbassi e dai corni e improntata ad un sentimento dì serenità, sino alla frase «Acerba morte», in cui si spezza il clima di assorta contemplazione attraverso una serie di accordi cromatici. Si ritorna al primo tema con nuove modulazioni e la tensione si fa più vìva nell'Allegro e sulle parole «Vieni, affretta la vendetta», in cui si richiama l'atmosfera un pò concitata del Don Giovanni, tra stati d'animo contrastanti e alternati fra di loro. E' una grande aria non soltanto di bravura, ma puntata sulla schiettezza e la passionalità dei sentimenti umani.

Testo

Bella mia fiamma, addio!
Non piacque al cielo di renderci felici.
Ecco reciso, prima d'esser compito,
quel purissimo nodo che strinsero fra lor
gli animi nostri con il sol voler.
Vivi! Cedi al destin! Cedi al dovere!
Della giurata fede la mia morte t'assolve;
a più degno consorte... o pene!
unita vivi più lieta e più felice vita.
Ricordati di me, ma non mai turbi
d'un infelice sposo la rimembranza
il tuo riposo!
Regina, io vado ad ubbidirti.
Ah, tutto finisca il mio furor
col morir mio.
Cerere, Alfeo, diletta sposa, addio!
Resta, oh cara! Acerba morte
mi separa, oh Dio, da te.
Prendi cura di sua sorte,
consolarla almen procura.
Vado... ahi lasso!
addio per sempre!
Quest'affanno, questo passo
è terribile per me.
Ah, dov'è il tempio? dov'è l'ara?
Vieni affretta la vendetta!
Questa vita così amara
più soffribile non è.
Oh cara, addio per sempre!


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di Via della Conciliazione, 7 febbraio 1982

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.